Rimac C Two: test sui prototipi dell'hypercar elettrica

Procedono a ritmo serrato i collaudi della Rimac C Two, che con oltre 1900 cavalli di potenza promette un livello prestazionale al top, anche in termini di dinamica di guida.

Dopo lunghi periodi di simulazioni al computer da parte del team di ingegneri della casa automobilistica croata, la Rimac C Two entra nella fase successiva, con un fitto programma di test nel mondo reale, per acquisire dati utili allo sviluppo di questa hypercar. Per raggiungere lo scopo saranno utilizzate strutture di collaudo in diverse aree del mondo.

A dire il vero, un primo lotto di prototipi era già stato sottoposto a stressanti sessioni di verifica dinamica e di sicurezza passiva la scorsa primavera, per mettere alla prova gli elementi nelle condizioni estreme.

Ora il programma di test si spinge oltre, a beneficio dell'ulteriore sviluppo e messa a punto dei componenti, prima dell'ingresso nella fase di pre-produzione, all'inizio del 2020. Verranno realizzati in totale 17 prototipi, ciascuno con scopi di collaudo diversi, che spazieranno dalla valutazione della rigidità del telaio allo sviluppo della guida autonoma ad alte prestazioni.

Queste le parole di Mate Rimac (fondatore e CEO di Rimac Automobili): "Stiamo lavorando duramente per modellare questa vettura esattamente come l'abbiamo immaginata: una nuova generazione di hypercar che abbina le prestazioni estreme della trasmissione elettrica a una nuova esperienza di guida per il conducente. La vettura sarà un capolavoro dal punto di vista ingegneristico e sarà molto comunicativa, per migliorare il piacere del pilotaggio. Vogliamo che sia intuitiva e utilizzabile, ma precisa e performante. Il processo di test è fondamentale per garantire il mantenimento delle nostre promesse".

La Rimac C Two è un'auto elettrica con guida semiautonoma, il cui debutto in pubblico è avvenuto al Salone dell'Auto di Ginevra 2018. Disegnata da Adriano Mudri, questa hypercar prenderà forma in 150 esemplari ed avrà prestazioni spaventose, rese possibili dai quattro motori elettrici (uno per ogni ruota) capaci di sviluppare complessivamente una potenza di 1914 cavalli, con una coppia di ben 2300 Nm. Quanto basta per raggiungere i 415 km/h di velocità massima e per coprire l'accelerazione nel classico 0-100 km/h in appena 1"97. L'autonomia, nel ciclo NEDC, dovrebbe essere di 647 chilometri.

  • shares
  • Mail