Nissan: chi è il “naso” che annusa gli odori dell’abitacolo [Video]

Si chiama smellmaster, ma è una figura sconosciuta a tutti, anche se molto importante. Scopriamo il suo compito.

Gli odori svolgono un ruolo non secondario nell’esperienza sensoriale vissuta a bordo di un’automobile. Ecco perché ci sono degli ingegneri che si occupano di questo aspetto. Nissan, attraverso un video, mostra il lavoro di una figura complementare, a molti sconosciuta: quella dello “Smellmaster“, una specie di annusatore umano, un maestro dell’olfatto, che testa sul campo l’esito degli sforzi messi in campo dagli altri uomini della casa giapponese nello specifico ambito.

Qualcuno potrebbe fare della facile ironia su questa professione, ma sarebbe sbagliato, perché in auto trascorriamo gran parte del nostro tempo e vivere in un ambiente confortevole anche sul piano degli odori è un valore aggiunto da non prendere sottogamba.

Nel filmato messo in rete da Nissan, si capisce meglio la missione dello “Smellmaster”, chiamato a stabilire gli standard di odore per i suoi modelli, in base al feedback dei clienti. Protagonista delle riprese è Ryunosuke Ino, che lavora presso il Technical Center di Atsugi. Non è l’unico, in seno all’azienda, a svolgere questo lavoro.

Un ruolo importante, anche se sconosciuto

Del team fanno parte altri soggetti, come Peter Carl Eastland (Odor Evaluation Lead Engineer) in Europa e Tori Karl (Materials Engineer) in Nord America, poiché in ogni regione del mondo ci sono specifiche preferenze. Ino è il leader del gruppo. Lui è noto come “The Nose of Nissan”.

Allo “Smellmaster” tocca il compito di controllare l’odore di ogni singola parte dell’abitacolo, specie delle aree più vicine a quelle dove siedono i passeggeri. Non è un compito facile, anche perché l’assuefazione del naso è molto rapida. Quindi bisogna agire in fretta e “ripristinare” lo status iniziale. Ino ha i suoi trucchi per riuscire nell’impresa ed annusa il suo gomito per tornare alla sensibilità di partenza.

Per non essere influenzato nel giudizio, evita di usare il detersivo quando lava i suoi abiti da lavoro, non fuma e non consuma cibi dall’odore forte nelle 24 ore precedenti. Al resto ci pensa la tecnologia, che mira ad agevolarlo, consegnandogli un ambiente asettico, una sorta di laboratorio sigillato con speciali apparecchiature che controllano la temperatura e l’umidità. Qui lui entra in azione. L’obiettivo è far sentire i clienti a proprio agio.

Fonte | Carscoops

Ultime notizie su Curiosità

Abbiamo raccolto le notizie le più strane, i video i più divertenti e le auto più originali: scopri con noi le curiosità del mondo automobile e condividi con noi i tuoi aneddoti insoliti.

Tutto su Curiosità →