Incentivi auto nuove e usate 2021: ecobonus, scadenza, rottamazione

350 milioni di euro in più, in tre fasce di erogazione: auto nuove (fino a 135 g/km e su tre livelli a seconda delle emissioni), auto usate (fino a 160 g/km, anche qui su diversi step), veicoli commerciali leggeri: le nuove misure entrano in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DL riconvertito in legge.

Con il “via libera” del Senato al decreto “Sostegni Bis” che segue di qualche giorno il parere positivo della Camera, il pacchetto di misure urgenti che riguardano ristori, contributi, bonus e indennizzi, aiuti di settore e “pace fiscale” è di fatto convertito in legge. Per la sua entrata in vigore, si dovrà attenderne la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, peraltro imminente.

Una nuova boccata di ossigeno

Come si ricorderà, fra le “voci” che compongono il DL n. 73/2021, oggetto di diverse modifiche e revisioni durante la fase di discussione in Parlamento, c’è un corposo capitolo che riguarda il rifinanziamento agli Ecoincentivi per l’acquisto di autoveicoli, ed in special modo per le autovetture Euro 6 che costituisce una delle risposte più attese per le Associazioni di rappresentanza della filiera automotive: principali obiettivi del nuovo decreto sono, in effetti, garantire un nuovo sostegno all’industria, al commercio ed ai servizi (in special modo quelli legati al comparto dell’auto, fra i più colpiti dall’emergenza sanitaria), ai lavoratori ed al consumo, nonché aiutare la transizione ecologica.

Per questo, il Governo ha stanziato un’ulteriore somma di 350 milioni di euro, da suddividere come segue:

  • Acquisto di autovetture nuove: 260 milioni di euro;
  • Acquisto di autovetture usate: 40 milioni di euro;
  • Acquisto di veicoli commerciali leggeri: 50 milioni di euro.

Come vengono distribuiti i nuovi incentivi

Ancora più nel dettaglio, il “Sostegni Bis” approvato dal Senato ed in procinto di entrare in vigore provvede a rifinanziare le autovetture di nuova immatricolazione e quelle di seconda mano in base al tipo di alimentazione ed al livello di emissioni di CO2 allo scarico.

 

Auto nuove

Il plafond messo a disposizione dei consumatori ammonta a 200 milioni di euro, che sostanzialmente vanno a finanziare nuovamente i fondi inseriti con la legge di Bilancio 2021 per l’acquisto di autovetture di nuova costruzione ed aventi emissioni di CO2 comprese fra 61 g/km e 135 g/km, ovvero le Euro 6 a prescindere dal tipo di alimentazione (benzina, diesel, mild-hybrid, GPL, metano) e che, partiti nella seconda metà di gennaio – insieme alle altre misure di aiuto all’acquisto di autoveicoli – erano andate esaurite già nella prima decade di aprile.

Modalità di erogazione

Per avere diritto a questa fascia di ecoincentivi, la vettura individuata dovrà avere un prezzo di listino inferiore a 40.000 euro – dunque escludendo IVA, Imposta provinciale di Trascrizione e messa su strada – e dovrà essere accompagnata da contestuale rottamazione di un autoveicolo immatricolato da almeno dieci anni.

Auto elettriche e Plug-in

La restante somma (cioè 60 milioni di euro) è dedicata alle autovetture di nuova immatricolazione e con emissioni di CO2 fino a 60 g/km: in pratica, tutte le auto elettriche e molte ibride plug-in: fascia di prodotti che, nella mattinata di venerdì 23 luglio 2021, possiede un residuo di poco meno di 19,5 milioni di euro (secondo la situazione, costantemente aggiornata, visibile da chiunque nel portale del Ministero dello Sviluppo Economico).

Come viene erogato l’incentivo

Per le auto elettriche ed ibride ricaricabili, i nuovi “extrabonus” vanno ad aggiungersi all’Ecobonus solamente nel caso in cui vi sia uno sconto Concessionaria di 2.000 euro per la rottamazione di un autoveicolo di almeno dieci anni, e 1.000 euro senza rottamazione. Attenzione al prezzo di listino: non deve superare 50.000 euro.

Bonus anche per l’usato

Confermata la “big news” relativa ad una serie di incentivi anche per le autovetture “di seconda mano”: per loro, ci sono 40 milioni di euro (non moltissimo, è probabile che questa nuova somma andrà ad esaurirsi in breve tempo). L’erogazione dei nuovi incentivi per l’usato è – analogamente alle altre categorie di veicoli individuate dal “Sostegni Bis” – condizionata ad una serie di punti fermi:

  • Rottamazione di un’autovettura immatricolata entro il 1 gennaio 2011, o in ogni caso con almeno dieci anni di “anzianità” al momento in cui si richiederà l’incentivo statale;
  • La vecchia auto da dare indietro deve essere intestata all’acquirente dell’auto usata da comprare, oppure ad un suo familiare convivente (fa fede lo stato di famiglia) da almeno 12 mesi;
  • La quotazione media di mercato della vettura usata da acquistare non deve essere superiore a 25.000 euro;
  • L’acquirente deve essere una persona fisica;
  • L’entità degli incentivi varia a seconda del livello di emissioni di CO2: 2.000 euro per le vetture da 0 a 60 g/km, 1.000 euro per la fascia 61-90 g/km, e 750 euro per i modelli da 91 a 160 g/km;
  • Niente “bonus” se la vettura individuata abbia già beneficiato di incentivi quando è stata acquistata nuova.

Fino a quando i nuovi incentivi restano in vigore

Le nuove misure di aiuto agli acquisti recepite dal decreto “Sostegni Bis” che sta per essere convertito in legge resteranno in vigore fino al 31 dicembre 2021. Essendo “ad esaurimento”, è facile ipotizzare che le somme via via residue si azzereranno prima della scadenza indicata nel decreto: ciò potrebbe valere soprattutto per le auto nuove con emissioni da 61 a 135 g/km, e per le auto usate.

Riepilogo dei nuovi bonus

Di seguito, in sintesi, lo schema delle nuove misure di incentivo.

Autovetture di prima immatricolazione

Auto con emissioni da 0 a 20 g/km

  • Con rottamazione: 6.000 euro di Ecobonus statale, 2.000 euro di incentivo statale e 2.000 euro + IVA di sconto concessionaria;
  • Senza rottamazione: 4.000 euro di Ecobonus statale, 1.000 ulteriori euro di incentivo statale e 1.000 euro + IVA di sconto concessionaria.

Auto con emissioni comprese fra 21 e 60 g/km

  • Con rottamazione: 2.500 euro di Ecobonus statale, 2.000 euro di nuovo incentivo statale e 2.000 euro + IVA di sconto concessionaria;
  • Senza rottamazione: 1.500 euro di Ecobonus statale, altri 1.000 euro di incentivo dallo Stato e 1.000 euro + IVA di sconto concessionaria.

Auto con emissioni comprese fra 61 e 135 g/km

  • Solamente con rottamazione: 1.500 euro di incentivo statale e 2.000 euro + IVA di sconto concessionaria.

Autovetture usate

  • Esclusivamente con rottamazione di un veicolo immatricolato entro il 1 gennaio 2011, o comunque di almeno dieci anni al momento dell’acquisto dell’auto usata;
  • Auto con emissioni di CO2 comprese fra 0 e 60 g/km: 2.000 euro di incentivo;
  • Auto con emissioni di CO2 comprese fra 61 e 90 g/km: 1.000 euro di incentivo;
  • Auto con emissioni comprese fra 91 e 160 g/km: 750 euro di incentivo.

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →