Bmw i Vision Circular Concept: un nuovo concetto di sostenibilità

La futuristica concept tedesca sfrutta le infinite possibilità dell’economia circolare basata su materiali riciclati ed energie rinnovabili.

Per “spiegare” la visione sulla mobilità sostenibile del futuro, il Gruppo Bmw ha sviluppato una “vettura laboratorio”, ovvero una concept car futuristica svelata proprio in queste ore sul palcoscenico dell’IAA Mobility 2021 di Monaco. Battezzata Bmw i Vision Circular Concept, questa show car non anticipa soltanto un modello di auto compatta per il 2040, ma l’intera concezione di “sostenibilità ambientale” del futuro che distinguerà il colosso tedesco.

Compatta e spaziosa

lunga circa quattro metri, la i Vision Circular Concept punta tutto su un abitacolo spazioso, modulare e lussuoso, abbinato ad un look minimal.  Il nome “Circular”, sottolinea che questa vettura è stata sviluppata seguendo logiche di economia circolare che permetteranno al costruttore teutonico di diventare nel prossimo futuro uno dei marchi automobilistici più rispettosi dell’ambiente.

Economia circolare

La riduzione delle emissioni nocive di CO2 deve infatti essere applicata all’intero ciclo di vita dei veicoli, a partire dalla loro produzione, effettuata con l’uso di materiali riciclati e fino ad arrivare all’utilizzo di energie rinnovabili e di conseguenza a impatto zero. Bmw sta già facendo passi da gigante in questo senso, infatti basti pensare che attualmente utilizza per le sue vetture quasi il 30% di materiale riciclato e riutilizzato. Secondo la strategia denominata “secondary first” l’utilizzo di materiali riciclati dovrebbe salire fino a quota 50%.

Look futuristico

Dal punto di vista stilistico, questa nuova concept sfoggia alcuni elementi tipicamente Bmw, come la mascherina anteriore a “doppio rene” che in questo caso risulta a dir poco futuristica perché si presenta come una superficie digitale senza cornici cromate. Questo è un primo passo verso il “design digitale” che renderà inutili le variazioni geometriche di luci e proiettori. Il logo del marchio posizionato all’anteriore risulta inciso, così come il badge identificativo del modello è inciso al laser in modo da evitare l’utilizzo di componenti superflui.

Design digitale

Le forme da monovolume, con le ruote posizionate alle estremità della carrozzeria permettono un’abitabilità interna decisamente elevata, mentre i larghi passaruota regalano un’impronta sportiveggiante. Al posto della cornice cromata dei finestrini, troviamo una ulteriore superficie digitale che si estende attorno al terzo montante, offrendo così un sicuro effetto scenico, ma non solo. Questo elemento funge anche da display e può essere utilizzato per visualizzare informazioni sullo stato del veicolo e guidare gli utenti verso la macchina utilizzando la luce mentre si avvicinano.

Accesso facilitato e ambiente lounge

Si accede nell’abitacolo utilizzando delle portiere che si aprono ad armadio, l’ambiente è molto luminoso grazie al tetto panoramico in vetro, mentre gli elementi all’interno come ad esempio le sedute sembrano ispirarsi a componenti d’arredo. All’interno troviamo quattro sedute, suddivise in due sedili lounge separati e con poggiatesta integrati e un divano posteriore, il tutto rivestito con una tappezzeria in simil-velluto, realizzata anch’essa in plastica riciclata e contenuta all’interno di un telaio in alluminio color oro chiaro.

Materiali riciclati e stampa 3D

Molti materiali utilizzati sono riciclati e realizzati con stampa 3D, mentre gli accostamenti cromatici risultano decisamente originali e sofisticati. L’ambiente è dominato dal colore tortora con elementi di grigio e dalla tonalità verde menta chiaro dedicata al pavimento, mentre la plancia con dettagli in metallo oro-bronzo sono abbinato alla livrea esterna Temper Blue Steel, realizzata tramite un processo di trattamento termico.

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →