NHTSA punisce BMW: Mini ha violato la norma sui richiami

Per una vicenda simile nel 2012 BMW venne condannata al pagamento di 3 milioni di dollari.

L’NHTSA colpisce ancora: dopo i 70 milioni di multa inflitti pochi giorni fa ad FCA per aver omesso di comunicare un numero consistente di rapporti in merito a morti e feriti per incidenti, l’ente americano per la sicurezza stradale ha ufficializzato una multa a BMW Group che potrebbe raggiungere i 40 milioni di dollari.

In particolare l’NHTSA contesta alla casa bavarese di non essere intervenuta efficacemente per adeguare gli standard di sicurezza della nuova Mini, risultati inadeguati nelle prove di crash-test laterale effettuate oltreoceano.

Il gruppo tedesco ha inoltre riconosciuto di non aver messo al corrente in maniera tempestiva ed adeguata la clientela del modello in questione e la stessa NHTSA.

Un problema che costerà subito 20 milioni di dollari a BMW: dieci di ammenda ed altrettanti da investire per migliorare le procedure sulla sicurezza (che verranno supervisionate da osservatori esterni). Cifra che potrebbe raddoppiare se la casa dell’elica non rispetterà entro i tempi previsti quanto richiesto dal National Highway Traffic Safety Administration.

Crash-test Mini: la valutazione di Euro NCAP

Ultime notizie su BMW

BMW viene fondata nel 1913 e si dedicò inizialmente alla produzione di aerei. Il suo acronimo rappresenta la traduzione di Fabbrica di Motori Bavarese e ne descrive la missi [...]

Tutto su BMW →