L'abitacolo della Ferrari 458 Speciale A

Curiosi di osservare l'abitacolo della Ferrari 458 Speciale A? Ve lo mostriamo in questa nuova galleria d'immagini, utili per osservare la resa dell'abbinamento cromatico fra il giallo ed il blu.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:50:"La Ferrari 458 Speciale A al salone di Parigi 2014";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:1882:"

La Ferrari 458 Speciale A è una delle automobili che maggior successo hanno riscosso durante il salone di Parigi. Per questo motivo le abbiamo dedicato una nuova galleria di immagini, concentrandoci su quei particolari che le immagini ufficiali hanno tenuto in parte nascosti. Ad esempio l’abitacolo. L’interno della Speciale A rimane pressoché invariato rispetto alla coupé e mantiene una disposizione dei comandi sbilanciata verso il conducente, che può letteralmente gestire tutte le funzioni dell’auto senza mai staccare le mani dal volante.

L’esemplare presente al salone si caratterizza per l’abbinamento cromatico fra la vernice tristrato di colore giallo e la banda centrale blu Nart/bianco Avus. Il blu è presente anche nell’abitacolo, destinato al tunnel centrale, alle pedane ed ai pannelli porta (tutti in fibra di carbonio). I sedili e la plancia sono invece rivestiti in tessuto scamosciato mentre le cuciture ed il motivo su schienali e sedute richiamano la vernice esterna. A livello tecnico è confermato il motore V8 da 4.5 litri.

In questa configurazione sviluppa 605 CV/540 Nm e si rivela pertanto il V8 atmosferico più potente mai sviluppato a Maranello, capace di garantire un’accelerazione sullo 0-100 km/h in 3 secondi ed uno scatto 0-200 km/h in 9.5 secondi. La 458 Speciale A monta una trasmissione doppia frizione a sette marce e pesa mezzo quintale in più della variante chiusa, in virtù della presenza di un tettuccio apribile in alluminio. Sarà prodotta in 499 esemplari.

";i:2;s:4128:"

La Ferrari 458 Speciale A al salone di Parigi 2014


Saranno 499 gli esemplari della Ferrari 458 Speciale A ad essere introdotti sul mercato. Il Cavallino replica in questo modo l’operazione effettuata nel 2008 con la Scuderia Spider 16M ed introduce una variante ad alte prestazioni della sua V8 a motore centrale, che mantiene invariati i contenuti tecnici della Speciale coupé. Del resto perché rinunciare o modificare l’otto cilindri stradale aspirato più potente della sua storia, che sviluppa qui 605 CV (a 9.000 giri/minuto) e 540 Nm (da 6.000 giri/minuto).

L’auto copre lo 0-100 km/h in 3 secondi, scatta da 0 a 200 km/h in 9.5 secondi e porta a termine un giro della pista di Fiorano in 1’23’’5 minuti, tempo di poco superiore al minuto e 23 stabilito da Felipe Massa al volante della F12berlinetta. La principale caratteristica della Ferrari 458 Speciale A sta ovviamente nella disponibilità del tetto apribile, soluzione ripresa integralmente dalla 458 Spider.

Questo si compone di un elemento ripiegabile in alluminio, che impiega solo 14 secondi per aprirsi/chiudersi e che e determina un aggravio di peso rispetto alla coupé quantificato in 50 chili. L’esemplare esposto è in vernice tristrato di colore giallo, abbinata alla banda centrale blu Nart e bianco Avus. I cerchi in lega sono forgiati e rifiniti in grigio Corsa, mentre carbonio blu è utilizzato per il tunnel centrale e per le pedane.

Tutte le informazioni sulla Ferrari 458 Speciale A


Si chiama semplicemente A. A come aperta, ovvero la principale caratteristica che la differenzia dalla 458 Speciale. La più estrma V8 del Cavallino guadagna una lettera e perde allo stesso tempo una porzione del tetto, sostituito da un modulo ripiegabile in alluminio: impiega solo 14 secondi per aprirsi/chiudersi e determina un aggravio di peso rispetto alla coupé quantificato in 50 chili. La 458 Speciale A debutterà al salone di Parigi (4-19 ottobre) e sarà esposta con vernice tristrato di colore giallo, abbinata alla banda centrale blu Nart e bianco Avus.

I cerchi in lega sono forgiati e rifiniti in grigio Corsa, mentre carbonio blu è utilizzato per il tunnel centrale e per le pedane. Cambia inoltre il disegno dei sedili, ora in Alcantara con cuciture in contrasto e tessuto tridimensionale. Quello che resta invariato è lo schema tecnico. Ferrari ha ovviamente confermato il V8 stradale aspirato più potente della sua storia, che sviluppa qui 605 CV (a 9.000 giri/minuto) e 540 Nm (da 6.000 giri/minuto). L'auto pesa 1.340 chili, valore che dà origine ad un rapporto peso/potenza limitato ad appena 2.21 kg/CV.

Gli amanti dei numeri devono anche sapere che il motore V8 assicura una potenza specifica di 135 CV/l, mentre i dati velocistici sono sbalorditivi per una vettura scoperta: lo 0-100 km/h viene portato a termine in 3 secondi netti, la velocità doppia si raggiunge in 9.5 secondi ed un giro della pista di Fiorano è completato in 1’23’’5 minuti. Questi risultati sono ottenuti grazie ad un approfondito studio dell’aerodinamica, non minore rispetto alla cura riposta nello studio del telaio (in alluminio) e dell’assetto SSC (a controllo elettronico). La Ferrari 458 Speciale A verrà prodotta in 499 esemplari.

";}}

  • shares
  • Mail
63 commenti Aggiorna
Ordina: