Aston Martin V12 Vantage S

L'Aston Martin V12 Vantage S utilizza il noto motore V12 da 5.9 e si configura quale evoluzione della V12 Vantage. Sviluppa 573 CV (+57) e 620 Nm (+50), per una velocità massima di 330 km/h. E' dunque l'Aston Martin di serie più veloce mai realizzata.













L’Aston Martin V12 Vantage S rappresenta l’estrema evoluzione della famiglia Vantage e risolve così il ‘mistero’ delle anticipazioni pubblicate negli scorsi giorni, da cui era possibile intuire solamente che Aston Martin stesse lavorando una vettura decisamente veloce e performante. Così è. La V12 S dispone infatti di un’evoluzione del noto V12 da 5.9 litri, denominato AM28, che sviluppa una potenza massima di 573 CV (a 6.750 giri/minuto) e si rivela quindi più potente di 56 CV rispetto al 5.9 dell’uscente V12 Vantage. La coppia aumenta di 50 Nm e raggiunge quindi i 620 Nm (a 5.750 giri/minuto). Lo 0-100 km/h deve ancora essere comunicato, ma non è lecito attendersi un valore di qualche decimo inferiore rispetto ai 4.2 secondi della V12 Vantage. La velocità massima è invece di 330 km/h.

Grazie a quest’ultimo risultato può essere indicata come l’Aston Martin di serie (One-77 esclusa) più veloce mai realizzata. A livello tecnico si segnala l’utilizzo della trasmissione Sportshift llI, ovvero un cambio robotizzato a 7 rapporti - sulla V12 Vantage era a sei marce - montato in blocco con il differenziale posteriore: lo schema meccanico è quindi transaxle. Completa il gruppo trasmissione anche un differenziale di tipo meccanico. I tecnici di Gaydon hanno poi lavorato per contenere la massa, inferiore di 25 chili rispetto alla Vantage che sostituisce. L’Aston Martin V12 Vantage S si caratterizza inoltre per i cerchi in lega forgiati da 19 pollici, con design a 10 razze e dalla finitura Graphite, che vestono Pirelli P Zero Corsa nelle misure 255/35 ZR19 all’anteriore e 295/30 ZR19 al posteriore.

L’impianto frenante è composto da dischi in carbo-ceramica, dal diametro assai generoso: 398 mm all’avantreno (con pinze a 6 pistoncini) e 360 mm al retrotreno (4 pistoncini). Le sospensioni regolabili Adaptive Damping System permettono inoltre di scegliere fra le modalità Normal, Sport e Track. L’elaborazione viene completata da un nuovo impianto di scarico, dalla mascherina anteriore in fibra di carbonio e da inedite finiture interne, compresi i sedili in alcantara. Il tetto ed altri particolari del corpo vettura sono verniciati di nero. Restano sconosciute disponibilità e prezzi, ma è possibile immaginare un listino pericolosamente vicino ai 200.000 euro.

Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S
Aston Martin V12 Vantage S

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: