La prima auto Sony svelata al CES di Las Vegas

Il colosso giapponese presenta la sua prima auto. Un'ammiraglia elettrica dotata di intelligenza artificiale e guida autonoma


Quella di Sony è senz’altro una delle novità auto più interessanti presentata in questi giorni al CES di Las Vegas 2020. Alla kermesse statunitense il marchio giapponese ha svelato la sua prima auto, una concept car denominata Vision-S.


Ammiraglia elettrica da quasi 5 metri. La nuova Sony Vision-S è un’ammiraglia a cinque porte da 4,90 metri di lunghezza (con tre metri di passo e 2.350 kg di peso), spinta da un powertrain elettrico da 544 CV e con trazione integrale. Secondo il brand nipponico sarebbe in grado di raggiungere i 240 km/h con uno scatto da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi. Rispetto all’autonomia non sono stati però ancora divulgati i dati ufficiali.



Intelligenza artificiale. La Casa giapponese ha però descritto e mostrato alcune delle tecnologie avanzate con cui ha equipaggiato la sua prima auto. Tra queste un software di intelligenza artificiale o l’integrazione con la nube di Sony, con l’obiettivo di aggiornare ed evolvere continuamente le sue funzioni. Sony ha anche sviluppato appositamente il sound 360 Reality Audio con altoparlanti integrati in ogni sedile. Inoltre l’abitacolo conta con 33 sensori tra i quali CMOS e Tof che monitorano l’ambiente interno ed esterno all’aiuto e offrono un supporto altamente avanzato al guidatore e ai passeggeri. Inoltre Sony ha svelato anche il suo nuovo LIDAR che potrebbe diventare un elemento chiave in vista della futura guida autonoma nell’ipotetico caso in cui la Vision.S arrivasse a produzione con queste caratteristiche.



Tutti i marchi coinvolti. Ma lo sviluppo di questo progetto è nato più che altro da una collaborazione del marchio giapponese con altri brand tecnologici e automotive. Da parte sua Magna ha apportato la piattaforma per la nuova Sony Vision-S, mentre Bosch e Blackberry hanno offerto diverse altre componenti , così come anche Continetal, Nvidia, GNX, Here Maps e Qualcomm.


  • shares
  • Mail