Stellantis: Tavares preoccupato per i costi delle auto elettriche

Il CEO del Gruppo è alla ricerca di una strategia di abbassamento dei costi per non perdere clienti.

Il “fenomeno Tesla da 25.000 dollari” è probabilmente quello che ha fatto più scalpore in questa transizione alla mobilità elettrica. Ma questo messaggio di cercare di rendere l’auto elettrica sempre più abbordabile non appartiene esclusivamente al marchio nordamericano. Anche altri produttori stanno implementando diverse strategie per sedurre i consumatori con prezzi più bassi.

Un segmento ancora inaccessibile

In questo senso, il CEO di Stellantis Carlos Tavares, ha riconosciuto che per il consumatore medio il prezzo dell’auto elettrica è un grande ostacolo. Stellantis ha intrapreso una strategia per ridurre i costi ridondanti e prepararsi all’aumento della produzione richiesto dal mercato.

“Non vogliamo disconnetterci dalle classi medie. Se vogliamo rimanere accessibili producendo una nuova tecnologia elettrica che costa il 40% in più, dobbiamo lavorare di più per ridurre i costi “, ha affermato Carlos Tavares in un evento online tenutosi a Detroit dall’Automotive Press Association. “Il prezzo è un problema e peggiorerà quando l’industria automobilistica passerà alle auto elettriche”.

Le auto elettriche costeranno il 40% in più

Tavares stima che le auto elettriche costeranno il 40% in più delle auto a combustione. Ciò sarà dovuto agli investimenti necessari in nuove tecnologie e quel costo è troppo grande per essere trasferito ai potenziali acquirenti.

La strategia di fusione da cui è emersa Stellantis ha portato a una significativa riduzione dei costi. Sono quasi 6.000 milioni di dollari di risparmio, dal momento che le piattaforme verranno riutilizzate e i costi di sviluppo saranno condivisi. Tavares, da parte sua, prevede anche una grande domanda di auto elettriche tra il 2030 e il 2035.

Stellantis afferma che i suoi obiettivi di produzione sono un mix di auto elettriche e ibride plug-in di oltre il 40% in Nord America entro il 2030, rispetto al 4% di oggi, e il 70% in più in Europa entro il 2030, rispetto al 14% in vigore.

Ultime notizie su Novità

Tutto su Novità →