Ferrari 365 GTC/4: un raro esemplare all’asta per una cifra record

Un esemplare della supercar realizzata da Pininfarina non restaurato ma in ottime condizioni è stato venduto dalla celebre Casa d’aste RM Sotheby’s.

La celebre Casa d’aste RM Sotheby’s ha venduto all’incanto una rara Ferrari 365 GTC/4 del 1972 realizzata Pininfarina. L’esemplare in questione è uno delle sole 500 unità costruite tra il 1971 e il 1972 ed è stato venduto in Italia nel maggio del 1972. La vettura è stata poi rivenduta nel 1996 a Monsieur Petitjean che l’ha conservata in maniera impeccabile fino ai giorni nostri.

Solo 30.597 km sulle spalle

La supercar del Cavallino Rampante vanta all’attivo appena 30.597 km, inoltre non è mai stata restaurata e come accennato in precedenza si trova in condizioni eccellenti considerati gli anni sulle spalle. Considerando che è stata ferma per lungo tempo in un garage, la vettura avrà bisogno di una messa a punto meccanica prima di poter tornare in strada.

Ottime condizioni

La vettura sfoggia la livrea originale denominata Blu Ortis abbinata a cerchi color argento, mentre i proiettori in color giallo completano l’effetto scenico. L’interno dell’abitacolo risulta personalizzato con rivestimenti in pelle nera Cologo dedicati ai sedili anteriori e posteriori e ai pannelli porta. Ad eccezione di alcune imperfezioni dovute all’usura del normale utilizzo, le sedute risultano in buone condizioni.

V12 sotto il cofano anteriore

Sotto il cofano della 365 GTC/4 batte un iconico V12 4.4 litri gestito da un cambio manuale a cinque marce in grado di scaricare 340 CV sulla trazione posteriore, mentre la velocità massima dichiarata è pari a 260 km/h.

Prezzo da capogiro

La Ferrari 365 GTC/4 è stata battuta all’asta da RM Sotheby’s ad un prezzo di 201.250 euro, mentre il fortunato acquirente è rimasto anonimo.

Ultime notizie su Curiosità

Abbiamo raccolto le notizie le più strane, i video i più divertenti e le auto più originali: scopri con noi le curiosità del mondo automobile e condividi con noi i tuoi aneddoti insoliti.

Tutto su Curiosità →