Formula 1: Mick Schumacher arriva in Haas da campione di F2

Il figlio di Michael approda in Formula 1 con il campionato di F2 in tasca e tanti sogni nel cassetto

Nella giornata che ha visto un verdetto inatteso in Formula 1, dove il licenziato Perez ha trionfato con tanto di pianto liberatorio a visiera abbassata, un altro nome ha attirato l’attenzione di appassionati ed addetti ai lavori, quello di Mick Schumacher, che ha chiuso il discorso in F2 vincendo il campionato propedeutico alla massima formula.

Un campionato arrivato con tanta pressione addosso

Il figlio di Michael con gli occhi del mondo addosso non ha brillato in un weekend difficile in cui la tensione era palpabile, ma è riuscito comunque a portare a casa il risultato, favorito da un avversario meno solido di quanto si potesse aspettare. Infatti, Ilott non ha gestito l’inatteso vantaggio che Mick, con uno spiattellamento di uno pneumatico gli ha fornito. Perché quando il campioncino tedesco è stato costretto ad una sosta imprevista, il suo antagonista non ha avuto la capacità di gestire le gomme al meglio, e così è finito lontano dalle posizioni che contano per prendere punti, spianando praticamente la strada per il titolo al giovanissimo Schumi Jr.

Dopo 5 anni Mick saluta il team Prema

Si conclude dunque il percorso di Mick con il team Prema, che ha incrociato la strada del tedesco di belle speranze nel 2016, e da allora ha costruito con Schumacher Jr. una serie di successi importanti come il campionato europeo di F3 e, adesso, quello di F2. Una strada verso la Formula 1 che arriverà l’anno prossimo, un pezzo di vita affrontato insieme che il giovanissimo Schumi non dimenticherà mai. “Ho corso per 5 stagioni con Prema e non c’era modo migliore di chiudere questo percorso con la vittoria del titolo in Formula 2. Sono delle persone davvero eccezionali, mi sono trovato benissimo con ognuno di loro. Lavorano tantissimo e continuano a spingere. Hanno spinto anche me così da farmi crescere, migliorarmi e cercare di trovare sempre quel qualcosa in più che alla fine si è rivelato fondamentale per la conquista del campionato”.

La Formula 1 rappresenta l’ultimo esame per Mick

Dopo tanti anni in cui in molti hanno dibattuto sul suo valore, sulle sue qualità, Mick Schumacher è finalmente pronto per il grande salto con la Haas, visto che nel 2021 affronterà il suo primo campionato di Formula 1 con il team statunitense. Dovrà migliorare molto sul giro secco, considerando che le qualifiche non sono il suo punto di forza, ma soprattutto dovrà adattarsi in fretta ad una realtà molto più selettiva che non aspetta nessuno, nemmeno i grandi nomi. Ma è chiaro che vedere una monoposto con uno Schumacher al volante sarà sicuramente un’emozione per chiunque abbia vissuto, o solamente sentito nominare, l’epopea di Michael. Mick comunque è pronto, sa che in squadra avrà un compagno combattivo come Mazepin, e cercherà di capire la Haas già dai test di fine stagione. Di solito, il primo anno in una nuova categoria per il tedesco, che ha un approccio metodico, è di studio, poi inizia spingere e a vincere; vediamo se sarà così anche in Formula 1, e se, nel corso del suo apprendistato riuscirà a meritarsi un sedile importante. Il sogno di molti, e forse anche il suo, è quello di vincere con la Ferrari, ma la strada è lunga e per adesso è meglio rimanere con i piedi per terra.

I Video di Autoblog