Electric Mobility for you: la svolta elettrica di Renault

Renault si conferma uno dei Gruppi automobilistici più attenti all'elettrificazione, come dimostra la sua gamma sempre più ricca e variegata, anche al prossimo apporto di Dacia nel mondo dell'elettrico

Renault si conferma come uno dei più importanti gruppi automobilistici dal cuore green, grazie a una produzione di veicoli elettrici ampia e varia. Alla base della gamma elettrificata di Renault, risiede la tecnologia E-Tech, vero fiore all'occhiello della Casa francese, che comprende: il full-hybrid (HEV), il plug-in hybrid (PHEV) e il 100% elettrico (BEV). Un’offerta capace di stimolare la richiesta di vetture a basse emissioni, a fronte di un mercato automobilistico che fatica a uscire da una fase di profonda sofferenza. Un progetto che mira a cambiare in modo radicale il modo in cui viviamo la mobilità nel quotidiano, trasformando contestualmente il tessuto architettonico urbano, che sarà costretto ad allinearsi alle nuove esigenze delle vetture intelligenti e a basso impatto sull'ambiente.

Elettrificate per tutti i gusti


Renault ha operato una sorta di elettrificazione per tutti, disponendo di veicoli eco-sostenibili in ogni segmento di mercato. Ad esempio, Renault Clio viene proposta con motorizzazione full-hybrid, con batteria da 1,2 kWh, che permette di viaggiare in elettrico per l’80% del tempo, con consumi ridotti del ben 40%. Renault propone, inoltre, anche Captur con la propulsione plug-in hybrid, per avere un'alternativa del mondo dei SUV nel segmento BCaptur PHEV grazie al propulsore E-Tech può viaggiare esclusivamente in modalità elettrica per ben 65 km (WLTP), con una velocità massima di 135 km/h. Lo stesso powertrain ibrido viene riproposto anche a bordo di nuova Renault Megane. A competamento di una gamma davvero intrigante, troviamo la seconda generazione di Zoe, la nuova Twingo a batterie e nuova Dacia Spring BEV.

La scossa di Dacia


La grande novità, ricca di aspettative, è il ruolo di Dacia full-electric. L'obiettivo è quello di ripetere il successo che in precedenza hanno Sandero e Duster tra compatte e SUV. La Dacia Spring BEV dovrebbe garantire un’autonomia di 200 km nel ciclo WLTP, con quattro posti e cinque porte ma dimensioni da citycar. Stilisticamente si caratterizza per luci frontali separate da una striscia a LED nella parte alta del muso, e tre elementi integrati nel paraurti, appena sopra le prese d’aria. Al posteriore, quattro luci LED che formano un disegno a doppia Y, che potrebbe contraddistinguere i modelli del prossimo futuro del Marchio di origine romena. Lo sbarco nelle concessionarie di questo innovativo modello è previsto a partire dal 2021.

  • shares
  • Mail