Bentley Flying Spur: 40.000 esemplari prodotti

Il successo mondiale della berlina di lusso inglese


Bentley festeggia la produzione del 40.000esimo esemplare della berlina di lusso della famiglia, la Bentley Flying Spur. Arrivata oggi alla terza generazione è presente su ben 68 mercati mondiali su cui opera il marchio inglese. Tutte e tre le generazioni di Flying Spur sono state progettate, ingegnerizzate, sviluppate e prodotte nella casa di Bentley a Crewe, dove la pietra miliare della produzione viene celebrata dalla forza lavoro specializzata di designer, ingegneri e artigiani. Ognuna delle 40.000 auto prodotte ha trascorso più di 100 ore sulla linea di produzione dedicata dove un team di 250 persone assembla meticolosamente a mano ogni Flying Spur.

Famosa in tutto il mondo



Delle 40.000 Flying Spurs prodotte in 15 anni, circa il 50% è stato commissionato da clienti nei due mercati principali di Bentley, suddivisi equamente tra Cina ed America. Nel mercato interno di Bentley, il Regno Unito, l'incrollabile attenzione del pubblico verso la berlina Grand Touring di lusso di riferimento ha visto circa il 10% della produzione restare nel paese. Dimostrando un fascino senza confini del modello, il restante 40% delle vetture viene destinato ai clienti in Europa, Medio Oriente e Asia Pacifico.

La storia della Bentley Flying Spur



L'illustre storia della Bentley Flying Spur risale al 1952, quando il capo progettista, J.P. Blatchley, e l'ingegnere, Ivan Evernden, collaborarono a un progetto non ufficiale per riportare Bentley all'apice del mercato Grand Touring. Il loro progetto era basato sul motore Bentley sei cilindri in linea da 180 CV e 4,9 litri che sarebbe stato sostituito nel 1959 con un V8 da 6320 cc.
La loro coupé Continental R-Type fu accolta con ampi consensi, grazie alla carrozzeria elegante progettata da H.J. Mulliner e alla capacità di viaggiare tutto il giorno a 100 miglia all'ora. È stata seguita dalla coupé S1, che condivideva molti dei componenti della R-Type, ed era chiaro che una berlina S1 sarebbe stata la logica evoluzione. Bentley creò un corpo berlina a quattro porte standard per la S1, di cui circa 3.000 sono stati gli esemplari costruiti. Una versione Continental affinata, che utilizzava carrozzerie più leggere, seguì sei mesi dopo il lancio della S1.



L'arrivo del più potente motore V8 interamente in alluminio di Bentley nel 1959 segnò anche il lancio della S2, che andava a sostituire la S1. Allo stesso tempo, HJ Mulliner è stata acquistata da Bentley Motors per diventare una divisione del marchio. La S2 proponeva un corpo berlina a quattro porte standard ed era l'auto a quattro porte più veloce al mondo in quel momento, per la S2 Continental era disponibile l'opzione HJ Mulliner Flying Spur “coachbuilt”, o addirittura un coupé a due porte o versione “drophead”. Delle 2.308 S2 costruite, 128 furono completate come Continental Flying Spurs, ognuna delle quali rappresentava una nuova era dell’automobilismo di lusso e ad alte prestazioni che ha trasformato l'auto di fabbricazione britannica nell'ultima Grand Tourer. La versione S3 seguì tra il 1962 e il 1965, ancora una volta disponibile come S3 Continental Flying Spur con carrozzeria Mulliner per il massimo delle prestazioni di lusso a quattro porte.


Bentley ha fatto rivivere il nome Continental Flying Spur nel 2005, come una versione a quattro porte della coupé Continental GT nel vero spirito del nome. Il nuovo modello era disponibile con un motore W12 e trazione integrale e poteva raggiungere una velocità massima di 312 km/h (194 mph) combinando lusso e prestazioni in una interpretazione mai visti prima.


Nel 2013, è stata lanciata la seconda generazione di Flying Spur, come una linea di modelli separata distinta, lasciando così “Continental”. Durante i sei anni successivi, l'auto è stata trasformata da un programma di sviluppo e perfezionamento costante che includeva l'aggiunta di un propulsore V8 biturbo da 4,0 litri.


La terza generazione della Flying Spur sta scrivendo un capitolo completamente nuovo nella storia della Bentley Grand Touring a quattro porte. Non contenta di basarsi semplicemente sulla Continental GT a due porte, Bentley ha ridisegnato il nuovissimo Flying Spur da zero in modo che si distingua da solo come la concretizzazione definitiva del lusso, della raffinatezza e delle prestazioni.

  • shares
  • Mail