Volkswagen: riparte la produzione nello stabilimento di Wolfsburg

Nello stabilimento tedesco di Wolfsbug, Volkswagen ha ricominciato la produzione di autoveicoli, partendo da una Golf. Gradualmente la fabbrica sta tornando a ritmi pre-epidemia

Il 27 aprile è ripartita ufficialmente la produzione di Volkswagen presso lo stabilimento di Wolfsburg. Il turno è iniziato alle 06:30 del mattino e la prima auto ad essere stata prodotta è stata una Golf. Il Brand tedesco non poteva che ripartire proprio dalla sua auto di maggior successo, anche per dare un segnale di positività. Inizialmente, la produzione della berlina compatta riprenderà su un turno con capacità ridotta e tempi di ciclo più lunghi. Circa 8.000 dipendenti stanno tornando nei padiglioni di produzione, per ristabilire gradualmente una normalità. La produzione dei modelli Volkswagen Tiguan e Touran e della SEAT Tarraco inizierà, invece, a partire da mercoledì. Allo stesso tempo, circa 2.600 fornitori, la maggior parte dei quali situati in Germania, hanno ripreso la produzione per l'impianto principale di Volkswagen. Le misure per proteggere la salute della forza lavoro sono state notevolmente ampliate.

Ripresa con attenzione alla salute


“La ripresa graduale della produzione è un segnale importante per la forza lavoro, i concessionari, i fornitori e l'economia in generale. In termini di gestione della crisi, tuttavia, questo è solo il primo passo. È necessario ulteriore slancio per stimolare la domanda in Germania e in tutta Europa, in modo che i volumi di produzione possano essere successivamente aumentati "

, ha affermato Ralf Brandstätter, Chief Operating Officer del marchio Volkswagen Passenger Cars. 

Il presidente della Bassa Sassonia Stephan Weil ha commentato: “Sono lieto che la Volkswagen stia gradualmente aumentando la produzione. La priorità data alla protezione della salute dei dipendenti è esemplare. Il comitato aziendale e il consiglio di amministrazione hanno sviluppato congiuntamente un concetto unico nel suo genere. Mercoledì incontrerò il Ministro-Presidenti delle roccaforti automobilistiche della Baviera e del Baden-Württemberg per discutere di come possiamo aumentare rapidamente le vendite di veicoli. Se riuscissimo a creare un incentivo all'acquisto che privilegia contemporaneamente gli aspetti ecologici, sarebbe positivo per l'occupazione, l'economia e il clima".

Bernd Osterloh, presidente del gruppo e del comitato aziendale generale, ha sottolineato: “Per il comitato aziendale, la salute dei nostri colleghi ha la priorità assoluta quando riprende la produzione. A tal fine, abbiamo concluso un accordo di lavoro generale con circa 100 misure di protezione della salute. La Volkswagen stabilisce uno standard per l'industria tedesca con questo accordo. Ora spetta ai manager di linea assicurarsi che tutti i dipendenti siano pienamente informati delle misure prescritte prima di iniziare a lavorare. Tutti i colleghi devono sapere cosa fare per proteggere al meglio se stessi e gli altri. Questo è un altro esempio di come ci guardiamo alla Volkswagen".

Le previsioni


Si prevede che circa 1.400 veicoli saranno stati costruiti entro la fine della prima settimana di produzione nello stabilimento di Wolfsburg. La produzione verrà aumentata fino a oltre 6.000 veicoli nella settimana successiva quando riprenderanno le operazioni su più turni. Ciò rappresenta circa il 40 percento della produzione prima dell'inizio della pandemia di Coronavirus. I rivenditori saranno ora in grado di consegnare veicoli ai clienti: circa il 70% delle concessionarie ha già riaperto per affari. Dopo Zwickau, Wolfsburg è il secondo degli stabilimenti automobilistici del marchio Volkswagen in Germania a riprendere la produzione in seguito all'interruzione iniziata a metà marzo. La produzione a Bratislava, in Slovacchia, è già stata ripresa lunedì scorso.

Misure di sicurezza


Per rispettare la salute dei dipendenti, si sta intensificando la frequenza di pulizia dei servizi igienici e delle sale per i team, oltre ad essere state installati diversi centinaia di impianti di lavaggio delle mani in tutto l'impianto. La società sta convertendo le sale conferenze in spazi per uffici, il tempo flessibile viene esteso negli uffici e, ove possibile, le opzioni di home office vengono proseguite. Per massimizzare l'informazione e la consapevolezza, oltre 8.000 poster sono esposti solo nello stabilimento di Wolfsburg, mentre ogni dipendente ha anche ricevuto un opuscolo contenente informazioni dettagliate sulle misure precauzionali.

  • shares
  • Mail