Genesis G80 2020: l'ammiraglia Premium coreana

La terza generazione della berlina asiatica farà la concorrenza negli USA alle ammiraglie bavaresi


Genesis, il brand di lusso di Hyundai, ha presentato online la nuova G80 2020. Si tratta della terza generazione della berlina coreana, un modello che si rinnova con un design ispirato al SUV della marca introdotto sul mercato a inizio anno, la Genesis GV80. Per ora non è previsto che arriverà in Europa, ma è già in commercio in Corea del Sud e a partire dalla seconda metà del 2020 arriverà anche sul mercato statunitense.

Taglia Extra large


La nuova Genesis G80 2020 misura 4.995 mm in lunghezza, 1.925 mm in larghezza e raggiunge i 1.465 mm in altezza. Sarebbe a dire, un po’ più lunga, larga e bassa rispetto alla generazione precedente, ma mantiene la stessa distanza tra gli assi (3.010 mm). Misure che la posizionano come rivale delle ammiraglie tedesche BMW Serie 5, Audi A6 e Mercedes Classe E.

Elegante ma anche sportiva



Ma a differenza di queste ultime, l’asiatica punta su una carrozzeria dalle linee più sportive, con una pronunciata inclinazione del tetto al posteriore che ricorda le linee di una coupé. Il frontale della nuova Genesis G80 è dominato da una grande griglia con, alle due estremità, gruppi ottici identici a quelli della prima Sport Utility del brand, la GV80. Il laterale è invece caratterizzato da una ben marcata linea di cintura, il tetto spiovente e i cerchi di serie da 20 pollici di diametro.

Alta qualità e abitabilità migliorata



Dentro la Genesis G80 2020 sfoggia una combinazione di design elaborato, materiali di lusso e molta tecnologia. Secondo Genesis è stata aumentata la qualità dei materiali e delle rifiniture con un ulteriore aumento anche dell’abitabilità con iù spazio per la testa e le gambe dei passeggeri. Sulla plancia troviamo un quadro strumenti digitale da 12,3”, con tecnologia 3D e uno schermo centrale da 14,5” che fa da interfaccia al sistema di infotainment.

110 kg in meno


La Genesis G80 2020 sfrutta una nuova piattaforma e una carrozzeria parzialmente fabbricata in alluminio. Questo le ha permesso di ridurre il peso di ben 110 kg rispetto al modello precedente. Può montare una sospensione a controllo elettronico che lavora insieme alle telecamere e ai sensori per adattarsi in tempo reale alle condizioni della strada. In quanto a meccaniche, verrà offerta con diverse proposte meccanica a seconda dei mercati.

Le motorizzazioni, da 200 a quasi 400 CV


La versione più modesta monta un diesel 2.2 da quattro cilindri con 210 CV e 441 Nm. Uno step più in alto ci sarò il benzina turbo da 2.5 litri e quattro cilindri con 304 CV e 421 Nm. E come top di gamma si posiziona il V6 da 3.5 litri con 380 CV e 530 Nm di coppia. Tutte queste motorizzazioni sono abbinate al cambio automatico e alla trazione posteriore o, a scelta, integrale.

  • shares
  • Mail