Seat produrrà una city car elettrica nel 2025

Martorell si convertirà in uno degli epicentri della mobilità elettrica europea.

Seat ha confermato che lancerà una nuova auto elettrica, del taglio di una city car, a partire dal 2025. Quello che ancora non è stato confermato è se la Casa spagnola stessa sarà l’incaricata di sviluppare la nuova piattaforma che farà da base a un’intera famiglia di elettriche per diversi marchi del Gruppo VW, tra cui anche la futura VW ID .1.

La urban car a zero emissioni di Martorell dovrebbe arrivare sul mercato con un target price compreso tra i 20.000 e i 25.000 euro e rientrerà nell’ambito del nuovo piano Future Fast Forward.

Nelle parole di Wayne Griffiths, presidente di Seat Spagna:

“La nostra intenzione è di produrre più di 500.000 auto elettriche urbane all’anno a Martorell, anche per il gruppo VW, ma abbiamo bisogno di un impegno chiaro da parte della Commissione Europea. Il nostro piano è trasformare il nostro Centro Tecnico. Crediamo che sia parte della nostra responsabilità elettrificare il marchio.“Tutta una dichiarazione di intenti di cui non sapremo esattamente la strategia finale fino all’estate.

La nuova Seat 600 del 21° secolo

Quella che è considerata la nuova “Seat 600” del 21° secolo sarà basata su un’architettura derivata dalla MEB con motori con potenze orientate al suo taglio da city car e batterie, ovviamente, di capacità inferiore, con un pacchetto da 38 kWh che dovrebbe garantirle un’autonomia di oltre 250 km.

La chiave non sarà solo nell’auto stessa, ma nei servizi di mobilità elettrica, una trasformazione che vedremo nei prossimi anni. Le batterie, dal canto loro, saranno quasi certamente realizzate in fosfato di ferro, un po ‘più pesanti delle batterie agli ioni di litio ma con il grande vantaggio della loro durata.

Durante la conferenza annuale del marchio Wayne Griffiths ha anche sottolineato che: ”Il sostegno del governo spagnolo e della Commissione europea è necessario per questo piano trasversale, in modo che VW possa prendere la decisione finale sulla sua esecuzione“. Il raggiungimento di questo progetto comporterebbe senza dubbio una forte ripresa in termini di occupazione e il rafforzamento dell’industria automobilistica spagnola in Europa, oltre ad essere la chiave per il raggiungimento degli obiettivi del Green Deal, il quadro su Clima ed Energia, entro il 2030.

Questo ambizioso progetto prevede non solo la realizzazione di veicoli elettrici, ma anche lo stimolo per l’acquisto di questa tecnologia nonché il miglioramento delle infrastrutture di ricarica, oltre alla già citata produzione di batterie, ambiti che coinvolgono centri tecnologici di grandi, medie e piccole imprese, e altre entità di almeno sei settori che sosterrebbero il piano dell’azienda.

Non solo elettriche

E mentre metterà insieme il puzzle della sua strategia elettrica, Seat continuerà a consolidare la gamma Cupra e ad aggiornare diversi modelli. Ibiza e Arona saranno le prossime protagoniste nel caso di Seat, un modello che non subirà una profonda trasformazione e si limiterà ad aggiornare il design, migliorare la gamma motori e incorporare nuove tecnologie in termini di connettività e di assistenza alla guida. Da parte sua, Cupra continua a decollare, aggiungendo nuove varianti meccaniche al SUV Formentor e affermandosi in nuovi mercati. A partire dal 2022, ad esempio, inizierà a vendere i suoi prodotti in Australia.

Sebbene Cupra stia anche ponendo le basi per la sua prossima auto elettrica, il SUV Tavascan, basato sull’architettura MEB, arriverà intanto sul mercato a metà del 2024 dando una risposta forte all’offensiva dei SUV elettrici di medie e grandi dimensioni che lancerà la concorrenza nei prossimi mesi e anni. Sarà un prodotto ideato e sviluppato interamente nello stabilimento di Barcellona.

Presto, secondo le previsioni, Cupra realizzerà all’interno di Seat una crescita della quota id vendite dal 5 al 10%, e veicoli come l’elettrica Born e la Tavascan saranno strategici per continuare ad aumentare tale rapporto e a consolidare Cupra come riferimento nel mercato della mobilità elettrica Premium. “La leva chiave per raggiungere la redditività nel 2021 sarà l’aumento del mix di veicoli PHEV, nonché il lancio della Born, un modello che consentirà a Cupra di raggiungere gli obiettivi di CO2 fissati“, ha affermato Wayne Griffiths.

Ultime notizie su Anticipazioni

Anticipazioni, bozzetti e foto spia delle auto in arrivo nei prossimi anni

Tutto su Anticipazioni →