Porsche: via al canale di vendita online a livello europeo

Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Svizzera, Polonia, Slovenia ed Estonia sono i Paesi (oltre alla Germania dove tutto aveva avuto inizio un anno fa) individuati da Zuffenhausen per la nuova strategia di e-commerce dedicata alle auto nuove e usate.

Ci si accomoda sul divano, o ci si siede sulla poltroncina dell’ufficio; e, anziché dare una scorsa alle ultime notizie, si passano in rassegna le proposte di vendita. Le si vaglia, si osservano le caratteristiche dei prodotti in esposizione. E, una volta individuato ciò che più corrisponde ai propri gusti, ci si mette in contatto con un “dealer”, seduto dall’altra parte della Rete, e si finalizza l’acquisto. Qualche giorno di attesa, ed ecco l’oggetto recapitato al domicilio del neo-acquirente. Questo è, alla più semplice, l’iter che chiunque segue nel settore dell’e-commerce: la filiera commerciale che corre sul Web, presente da molti anni, ha conosciuto una sostanziale impennata nei drammatici mesi di lockdown conseguente alla pandemia da Covid-19. Ed è destinata ad un’ulteriore crescita.

La concessionaria in tasca

La filiera automotive ha, già nella prima metà del 2020, messo in atto le prime strategie di commercio online, nella fattispecie la vendita di autoveicoli di nuova produzione pronti per essere acquistati da remoto e consegnati a casa del cliente. Si è trattato di un utile strumento per smaltire le scorte di invenduto, prima; e per rafforzare la ripresa del settore, dopo la riapertura delle attività industriali, produttive, logistiche e commerciali.

Così Porsche si evolve nell’e-commerce

Ai “big player” che hanno scelto di affidarsi anche all’e-commerce si aggiunge Porsche: i vertici della “Cavallina” di Zuffenhausen annunciano il via al programma di vendite online europeo, dedicato tanto al nuovo quanto all’usato, attraverso un canale di vendita corporate.

La nuova iniziativa è disponibile per i seguenti Paesi:

  • Italia
  • Francia
  • Spagna
  • Portogallo
  • Svizzera
  • Polonia
  • Slovenia
  • Estonia.

A breve termine si aggiungerà il Regno Unito.

Si prevede un aumento nelle vendite in digitale

Non si tratta di una novità in senso assoluto: il lancio di un canale online per la vendita di veicoli a marchio Porsche era in effetti stata inaugurata in Germania nell’ottobre 2019. Tuttavia, l’espansione del programma viene individuata dai responsabili commerciali di Zuffenhausen come una conferma all’ottimo gradimento riscontrato, nei primi dodici mesi, sul mercato nazionale. “Le cifre di vendita ed il positivo riscontro da parte dei nostri clienti e delle nostre Concessionarie ci dimostrano che abbiamo intrapreso la strada giusta: la strategia digitale di vendita online si amplierà nel 2021 ad altri Paesi”, commenta Barbara Frenkel, vicepresidente della Divisione Vendite Porsche per la regione Europa. In funzione dei singoli Paesi, a Zuffenhausen prevedono che le vendite di veicoli avverranno il più possibile in modalità digitale, fino alla consegna delle vetture al domicilio dei rispettivi clienti.

Uno showroom virtuale

L’evoluzione riguarda più che altro le procedure di acquisto: in effetti, l’esposizione dei prodotti rimane nel complesso immutata. Ovvero: sono le stesse Concessionarie presenti nei nove Paesi europei in cui debutta la nuova strategia di vendita online ad esporre in uno spazio virtuale la maggior parte delle vetture presenti (fra modelli di normale produzione e serie speciali). Il cliente si collega, osserva, valuta e alla fine acquista. Senza, appunto, muoversi da casa.

Gli italiani amano sempre Porsche 911, anche in digitale

Dati alla mano, indica Porsche, le prime analisi di mercato condotte nei vari Paesi hanno già individuato delle interessanti tendenze. Ad esempio, in Italia il 40% di tutti gli acquirenti online sono nuovi clienti per Porsche. Da noi, inoltre, sono gli esemplari “di seconda mano” ad essere quelli più apprezzati (rappresentano il 90% delle Porsche vendute finora sulla nuova piattaforma digitale). E, in perfetta corrispondenza con il gusto tutto italiano per le vetture di chiara e tradizionale matrice sportiva, nel “Bel Paese” il modello più venduto online è Porsche 911.

La “rivoluzione online” conquista anche i cinesi

Non c’è soltanto Europa, e non c’è soltanto la vendita di autovetture nel “new deal” commerciale di Porsche: la piattaforma di e-commerce ufficiale è presente anche negli Stati Uniti ed in Cina (dunque, nei mercati-chiave per il marchio di Zuffenhausen). All’”ombra della Grande Muraglia”, da ottobre 2020 è possibile cercare e trovare le vetture usate dalla rete di vendita al dettaglio con l’impiego di WeChat, la App per smartphone più popolare in Cina. Inoltre, attraverso il nuovo flagship store di Porsche recentemente inaugurato su Tmall, principale online market cinese, è possibile acquistare anche alcuni dei prodotti lifestyle ufficiali e drive experience al volante di uno dei modelli che compongono la lineup della “Cavallina” tedesca.

Obiettivo: espandere i canali digitali

“La nostra strategia è ‘omnicanale’: permette, cioè, ai clienti di potere spostarsi liberamente dal mercato digitale ai ‘tradizionali’ canali di vendita fissi – dichiara Martin Urschel, vicepresidente della Divisione Smart Mobility e Digital Sales di Porsche – Vediamo un enorme potenziale nell’e-commerce, e intendiamo rafforzare ed espandere ancora di più la nostra presenza digitale in tutto il mondo, grazie alla collaborazione con le concessionarie Porsche”.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Porsche

Porsche viene fondata nel 1931 ed è la principale realtà tedesca specializzata nella produzione di automobili sportive. Inizia la propria attività con l’obiettivo di vendere su piccola [...]

Tutto su Porsche →