F1, Alpha Tauri: l’AT02 è pronta per il 2021

L’Alpha Tauri svela la monoposto AT02, la vettura che correrà nella stagione 2021 di F1. L’obiettivo è quello di crescere ancora, stupendo come nel 2020

L’Alpha Tauri è stata in modo assoluto una delle sorprese della scorsa stagione di F1, cogliendo alcuni impronosticabili podi, compresa la splendida vittoria di Pierre Gasly a Monza, davanti a un arrembante Carlos Sainz su McLaren. Per poter consolidare, se non migliorare, la propria posizione nelle gerarchie del Circus, la Scuderia di Faenza propone alcune sostanziali modifiche alla sua monoposto AT02, che competerà nel campionato di F1 2021.

In difesa delle proprie idee

A livello tecnico gli ingegneri della ex Toro Rosso hanno concentrato le proprie attenzioni sul migliorare la parte anteriore della monoposto, che avrebbe potuto attingere di più dalla Red Bull RB16, ma hanno preferito continuare a conservare una loro identità di marchio, sebbene a tutti gli effetti sia una macchina che gode di molte affinità con Red Bull Technology. Le regole della FIA avrebbero consentito all’AlphaTauri di adeguare la AT02 con la trasmissione e la sospensione posteriore della macchina 2020 di Adrian Newey. Questa scelta non è stata intrapresa, perché con l’introduzione del budget cap si è pensato di investire le proprie risorse su altri elementi, a partire dalla profilatura della parte anteriore, una zona strategicamente più importante e dove si raccolgono i migliori vantaggi.

Nuove introduzioni

La sospensione anteriore adotta nuovi bracci in carbonio ed è una delle novità assolute. Lo schema push rod non è cambiato, tuttavia AlphaTauri ha deciso di mantenere il multilink superiore che in realtà è la somma di due bracci che non convergono nello stesso attacco al porta mozzo, ispirandosi a un’idea che si è vista con successo sulla RB15. Potrebbe sembrare che i bracci siano più inclinati rispetto allo scorso anno con attacchi al telaio più alti. Tutte nuove anche le brake duct ridisegnate nella presa d’aria che divide i flussi per il raffreddamento di dischi e pinze e per incentivare il flusso d’aria che gli aerodinamici vogliono far soffiare in prossimità del mozzo.

Nuovo motore Honda

Honda ha lanciato la sua nuova power unit, che avrebbe dovuto debuttare nel 2022. Sarà la più potente vista negli ultimi anni e ha una caratteristica particolare: la dislocazione degli accessori è stata curata in modo perfettamente accurato, per cui la struttura favorisce delle pance pronunciate e una fluidodinamica delle fiancate più efficiente per l’estrazione dell’aria calda dai radiatori. Dietro ai radiatori i pontoni vanno verso il fondo ricordando quelli della Racing Point RP20.

Alettone posteriore sostanzialmente invariato

L’alettone posteriore non mostra grandi novità: le prime modifiche si scopriranno a Imola quando l’AlphaTauri effettuerà il filming day con i due piloti impegnati il 24 febbraio all’Enzo e Dino Ferrari, nel mezzo di tre giorni di test, gli altri due condotti con la STR14. LE premesse per far bene ci sono tutte.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Formula 1

La Formula Uno (o Formula 1) è la Regina tra le competizioni motoristiche. Nel 2020 piloti e team si contenderanno il 71° campionato piloti ed il 63° campionato costruttori. E'il terzo anno dall'avvento dell [...]

Tutto su Formula 1 →