Volvo XC40 Recharge: la prima elettrica svedese

Svelata a Los Angeles la pioniera della nuova famiglia "Recharge" a zero emissioni del marchio scandinavo


Dopo mesi di attesa e indiscrezioni, il catalogo della Casa svedese si amplia con l’arrivo di una nuova componente della famiglia. Si tratta della prima auto elettrica del marchio e si chiama Volvo XC40 Recharge 2020. Sarà la prima di un’intera gamma a zero emissioni del brand di Goteborg e sarà anche la prima ad integrare a bordo il nuovo sistema di infotainment basato su Android Auto.


I piani per il futuro di Volvo passeranno, per i prossimi cinque anni, per una nuova elettrica introdotta ogni anno. Questa politica è motivata dall’intenzione di Volvo, entro il 2025, di vendere il 50% delle sue auto con powertrain EV, mentre il restante 50% saranno ibride plug-in. Elettrificazione quasi totale, quindi. Ed entro il 2040 Volvo vuole anche diventare un'azienda carbon neutral, rispettando così gli accordi di Parigi.


Lo abbiamo detto varie volte prima: per Volvo il futuro è elettrico”, ha detto Håkan Samuelsson, direttore esecutivo di Volvo. “Oggi diamo un nuovo e importante passo in questa direzione, con il lancio della nuova XC40 totalmente elettrica, pioniera della nuova famiglia Recharge”.


Dal punto di vista meccanico la nuova Volvo XC40 elettrica - basata sulla piattaforma CMA - promette un’autonomia superiore ai 400 km (WLTP), con una potenza massima di 408 CV e 660 Nm. Le batterie si ricaricano all’80% in 40 minuti dalla presa rapida da 150 kW. 7,5 ore da una presa standard a 11 kW. In quanto a prestazioni, invece, dichiara uno 0-100 km/h in 4,9 secondi - nonostante i suoi circa 2.200 kg - e una velocità massima di 180 km/h.


A bordo, il sistema di infotainment, basato su Android Auto, è completamente integrato con Volvo On Call, la piattaforma per i servizi digitali connessi della marca svedese. Attraverso di essa i clienti potranno realizzare chiamate di emergenza, consultare a distanza il consumo di energia della batteria, i livelli di carica o attivare diverse funzioni del sistema di climatizzazione, utilizzando un dispositivo mobile.


Rispetto alla XC40 normale, la Recharge ridefinisce leggermente gli spazi a bordo. Il portabagagli posteriore risulta più piccolo con 413 litri (circa 50 litri in meno), ma nel cofano anteriore è stato ricavato un ulteriore vano portaoggetti da 31 litri.


  • shares
  • Mail