Peugeot celebra il centenario della vittoria alla Targa Florio

Cent'anni fa la prima vittoria Peugeot alla Targa Florio. La Casa del Leone celebra la vittoria con la partecipazione all'edizione di quest'anno di una Peugeot 204 del 1968.

E' passato un secolo dalla storica vittoria di Peugeot alla Targa Florio, tra le competizioni motoristiche più antiche del mondo che ancora oggi, pur rivisitata, si svolge annualmente con partenza da Palermo. L'edizione del 1919 della Targa Florio venne disputata il 23 novembre. I concorrenti dovevano percorrere 4 giri del circuito medio delle Madonìe, lungo 108 km, per un totale di 432 km. Venti sono i partecipanti al via, rispetto agli otto della prima edizione del 1906. Dopo 7 ore e 51 minuti André Boillot taglia il traguardo al volante della Peugeot L25 numero 5.

La gara fu caratterizzata da un colpo di scena al traguardo: André Boillot passa la linea di arrivo in retromarcia perché, per evitare un pedone, va in testa coda arrivando al traguardo con il muso nella direzione opposta al senso della corsa. Boillot innesta la retromarcia e supera così la linea di arrivo. La manovra è però vietata ed i commissari di gara lo fanno tornare indietro. Rimessa l’auto con il muso nella direzione giusta, conclude la gara senza patemi d'animo visto che il primo degli inseguitori si trova a mezz’ora di distanza.

Da qualche anno a questa parte la tradizione vincente di Peugeot è stata raccolta da Paolo Andreucci, motorsport Ambassador del Leone, e pilota di rally più vincente della storia della gara Siciliana grazie ai 10 primi posti ottenuti in carriera. Quest’anno la Casa del Leone ha deciso di celebrare i 100 anni dalla vittoria della Peugeot L25 facendo partecipare alla Targa Florio Classica un equipaggio ufficiale alla guida di una Peugeot 204 del 1968. La Targa Florio Classica è una gara di regolarità, valida come terza prova del Campionato Italiano Grandi Eventi 2019, dedicata alle auto costruite prima del 1977.

  • shares
  • Mail