Nuova Toyota C-HR: le caratteristiche del restyling

Oltre all'aggiornamento estetico, la Toyota C-HR prevede anche il nuovo motore a benzina 2.0L Hybrid Dynamic Force da 184 CV di potenza.


La Toyota C-HR è stata sottoposta al restyling di metà carriera, anche se le modifiche estetiche sono di modesta entità per non stravolgere la linea sportiva da SUV coupé. Infatti, la rinnovata crossover giapponese è riconoscibile per il frontale con la modanatura inferiore aggiuntiva in tinta con la carrozzeria e il nuovo spoiler posteriore di colore Glossy Black.

Tra le altre novità estetiche della rinnovata Toyota C-HR figurano i gruppi ottici anteriori e posteriori a led, con le luci diurne DRL e gli indicatori di direzione integrati, mentre l'abitacolo è stato aggiornato con l'introduzione del nuovo sistema multimediale che prevede l'integrazione con Apple Car Play e Google Android Auto, nonché l'aggiornamento online Over The Air soprattutto per le mappe del navigatore satellitare integrato.

Tuttavia, la principale novità della Toyota C-HR restyling è rappresentato dal nuovo motore a benzina 2.0L da 184 CV di potenza denominato Hybrid Dynamic Force, in quanto parte integrante della relativa versione a propulsione ibrida da 92 g/km di emissioni di CO2. Confermato anche il propulsore di pari alimentazione 1.8L da 122 CV di potenza e 86 g/km di emissioni di CO2, sempre disponibile nella declinazione Full Hybrid Electric a propulsione ibrida.

Infine, la piccola SUV coupé Toyota C-HR è stata aggiornata anche a livello tecnico. Nello specifico, le modifiche riguardano il servosterzo elettrico EPS e la taratura delle sospensioni, per migliorare rispettivamente il raggio di sterzata e il comfort di marcia. Per quanto riguarda la motorizzazione a benzina 1.2 Turbo da 122 CV di potenza, al momento non è noto se sarà proposta o meno con la versione restyling della vettura.

  • shares
  • Mail