Mazda 2: nuove indiscrezioni sul restyling

In arrivo nel 2020, la Mazda 2 restyling adotterà la tecnologia 'mild hybrid', oltre alle novità estetiche per la carrozzeria e l'abitacolo.


L'anno prossimo, l'utilitaria Mazda 2 sarà sottoposta al fatidico restyling di metà carriera. Esteticamente, la terza generazione della piccola vettura giapponese - introdotta nel 2015 - sarà rinnovata a livello stilistico con il lifting esterno che riguarderà sia la calandra che i fari.

Inoltre, sarà ridisegnato anche l'abitacolo della Mazda 2. A parte la migliore insonorizzazione, tra le novità figureranno i nuovi sedili anteriori, il volante riscaldabile, lo specchietto retrovisore interno fotocromatico, la connettività con Apple Car Play e Android Auto, il controllo gestuale e la fotocamera anteriore a 360 gradi.

A livello meccanico, la principale novità della Mazda 2 restyling sarà rappresentata dall'adozione della tecnologia 'mild hybrid' a propulsione ibrida. Questa configurazione tecnica sarà disponibile per il motore a benzina 1.5 SkyActiv-G, proposto nelle versioni da 75 CV e 90 CV, quest'ultima anche in abbinamento al cambio automatico.

Attualmente, la Mazda 2 è disponibile anche nella declinazione da 115 CV di potenza del suddetto propulsore a benzina, ma non è certo che sarà confermata. Non è più disponibile, invece, l'alimentazione diesel che non sarà certamente riproposta con la versione restyling.

  • shares
  • Mail