Jaguar E-Type all'asta al Goodwood Revival con Bonhams

Sono molti gli amanti della Jaguar E-Type sparsi per il mondo. Ai più benestanti la possibilità di concorrere all'aggiudicazione di un esemplare della specie messo all'asta da Bonhams.

Una Jaguar E-Type 'Series 1' 4.2 litri Coupé del 1966 sarà messa all'asta da Bonhams il prossimo 14 settembre al Goodwood Revival. Dalla vendita di questa automobile storica, con telaio numero 1E33359,  si prevede un incasso di circa 100 mila sterline. L'esemplare è stato importato nel Regno Unito nel 2018 e dispone di guida a sinistra. Eccezionalmente originale, si giova di una manutenzione continua, che non ha imposto ripristini.

Il modello, nonostante l'età, non ha perso un briciolo del suo fascino. Nella versione di 4.2 litri la velocità massima di circa 240 chilometri all'ora è rimasta invariata rispetto a quella espressa dalla variante da 3.8 litri. Il miglioramento principale regalato dal motore più grande, sul fronte delle prestazioni, è stato nell'accelerazione. Come la sorella minore, anche la E-Type da 4.2 litri fu costruita nelle declinazioni roadster e coupé cui, nel 1966, si è aggiunta una versione coperta 2+2 su un passo più lungo di 229 mm.

La Jaguar E-Type proposta da Bonhams ha avuto in precedenza solo due proprietari, l'ultimo dei quali l'ha conservata dal 1971 al 2018, quando l'auto è rientrata in casa dopo aver trascorso tutta la sua vita in California, negli Stati Uniti. Sottoposta ad amorevoli e costanti attenzioni, è priva di ruggine e conserva la maggior parte della vernice originale e delle finiture interne.

Per chi non lo sapesse, le forme della E-Type furono molto apprezzate anche da Enzo Ferrari. Questa creatura fece il suo debutto il 15 marzo 1961, al Salone di Ginevra. Facile immaginare l'interesse generato da un oggetto di tale bellezza.

Disegnata da Malvom Sayer, la sportiva della Jaguar fu una vettura rivoluzionaria, perché seppe anticipare i tempi. Nel 2004 la rivista statunitense Sports Cars International l'ha messa al primo posto tra le Top Sport Cars degli anni sessanta. Un esemplare di questo gioiello ha trovato spazio al Museo di Arte Moderna di New York. Molti la conoscono come l'auto di Diabolik e Eva Kant.

Fonte | Bonamhs
Foto | Bonhams

  • shares
  • Mail