Nissan GT-R Nismo: migliore, più veloce

Il modello 2020 di Godzilla contiene tanti affinamenti. Nuovi turbocompressori e freni, alleggerimento generale, ottimizzazione aerodinamica, migliore efficienza di trasmissione e sospensioni

Semplice aggiornamento? Neanche per sogno. Godzilla non si limita a cambiare vestito. La Nissan GT-R Nismo 2020 ha rinnovato i turbocompressori, migliorato il cambio, alleggerito la meccanica, ritoccato freni e ruote. Risultato: un tempo sul giro inferiore di due secondi e mezzo sul circuito di prova della casa, rispetto alla Nismo uscente. Inoltre, sempre fondamentale per un’auto che in pista raggiunge 300 Km/h, è migliorata la stabilità ad alta velocità.

 

Nissan GT-R Nismo 2020, ancora più veloce


Nissan GT-R Nismo 2020

Tanti piccoli miglioramenti, quando messi insieme, comportano un grande progresso: è l’articolata traduzione della parola giapponese kaizen, la base che anima il lavoro sulla Nismo. Cioè la missione di Hiroshi Tamura, altrimenti noto come Mr. GT-R. Partiamo dal motore della GT-R Nismo 2020 il quale, lo ricordiamo, viene interamente assemblato a mano da un team di takumi, tecnici specializzati di alto livello, praticamente degli artisti. I due nuovi turbocompressori sono gli stessi che monta la versione da corsa.

E’ stato ridotto lo spessore delle palette della girante, il che ha ridotto la massa della turbina del 14,5% e la sua inerzia del 24%. C’è anche una paletta in meno; per compensare la perdita di portata è stata aggiunta una piastra posteriore che migliora l’efficienza del flusso, perché in questo modo i gas non finiscono dietro le pale della turbina. Di conseguenza la risposta alla pressione dell’acceleratore è migliorata del 20%. Le prestazioni sono aumentate senza ricorrere ad un aumento della potenza, che resta di 600 cavalli. Troviamo anche un nuovo scarico in titanio con estremità brunite a mano. Sound deciso che non diventa sgradevole.

E’ migliorato anche il cambio a doppia frizione e 6 marce; il nuovo software lo ha reso più aggressivo e intuitivo. La maggior precisione nelle scalate aiuta a ridurre il sottosterzo in ingresso di curva; nello stesso tempo, in uscita la marcia ingranata più bassa permette di accelerare meglio.

Ridurre il peso è sempre la via maestra verso la prestazione. La nuova GT-R Nismo è stata alleggerita in tanti componenti, fra cui paraurti, cofano, parafanghi, tetto, rivestimenti del sottoporta, bagagliaio e spoiler posteriore. In totale sono stati guadagnati (cioè tolti) circa 30 Kg. Il tetto è in fibra di carbonio. Oltre a ridurre il peso generale, esso consente di abbassare il centro di gravità del veicolo (il baricentro), migliorando l’agilità e la stabilità del veicolo.

E’ stato svolto anche un certosino lavoro di affinamento aerodinamico, intervenendo in particolare sulle prese d’aria. Quindi è aumentata la deportanza (cioè il carico verticale) senza incrementare la resistenza all’avanzamento. I paraurti ventilati evitano che il flusso dell’aria crei delle turbolenze sull’alettone posteriore; ciò permette di aumentare la stabilità.

La Nissan GT-R Nismo 2020 ha rinnovato anche i freni, sempre prodotti dalla Brembo. Troviamo enormi dischi carboceramici (410 mm di diametro davanti e 390 dietro), pinze speciali a sei pistoncini all’avantreno e quattro al retrotreno. Anche il pedale risulta più reattivo e progressivo, ben si presta ad un’accurata modulazione della frenata.

Le sospensioni sono state ottimizzate e ora rispondono con maggior precisione alle imbardate (l’oscillazione della vettura intorno all’asse longitudinale), di conseguenza è migliorata la stabilità in curva. Gli ammortizzatori Bilstein DampTronic sono più morbidi sia in estensione che in compressione; è stata rivista anche la taratura delle molle

Alleggeriti anche i cerchi Rays da 20 pollici, il loro nuovo design a 9 razze aumenta la rigidità. La Dunlop ha preparato una nuova mescola per gli pneumatici della Nismo che aumenta l’aderenza del 7%; inoltre il nuovo disegno del battistrada aumenta dell’11% l’impronta a terra. Due parole sugli interni. I sedili anteriori Recaro sono ancora più avvolgenti, anche per il passeggero, e sono più leggeri.

  • shares
  • Mail