Nuovo Mahindra GOA Pik-Up Plus: primo contatto su strada e in offroad

Primo contatto su strada e in offroad con il rinnovato Mahindra Goa Pik-Up Plus, la proposta della casa indiana nel settore dei veicoli commerciali.

Anche senza la "c" il rinnovato Mahindra GOA Pik-Up Plus ha tutte le carte in regola per ritagliarsi il suo spazio nel settore dei veicoli commerciali: robustezza, versatilità ed un prezzo accessibile. Mahindra Goa è presente in Italia dal 2006, l'anno in cui è stato lanciato a livello globale. Le vendite hanno superato quota 100.000 esemplari, mentre nel nostro mercato sono più di 2.000 i lavoratori che hanno scelto un pickup Mahindra Goa (omologato N1, autocarro). Il rinnovato Mahindra Goa Pik-Up Plus, si presenta con 51 novitàche spaziano dal design alla tecnologia, dalla sicurezza alle dotazioni, passando per il motore e le prestazioni.

Disponibile in due allestimenti, S6 ed S10, la versione entry level a cabina singola e due ruote motrici viene proposta al prezzo di 18.878 euro. In un percorso misto su strada e in offroad, allestito nei pressi dell’oasi naturalistica di NeoruraleHUB di Giussago (PV), abbiamo avuto modo di provare la versione 4x4 nel più ricco allestimento S10, proposto al prezzo di 24.978 euro. Mahindra GOA Pik-Up Plus è detraibile al 130%, oltre alla tassa di circolazione ridotta grazie all’immatricolazione N1-Autocarro. Tra le agevolazioni c'è anche la garanzia di 3 anni o 100.000 km ed il soccorso stradale gratuito per 3 anni.

Mahindra GOA Pik-Up Plus: com'è fatto


Il pick-up indiano si presenta con un look grintoso conferito da tratti decisi racchiusi in oltre 517 cm di lunghezza, 182 di larghezza e 186 di altezza. Rispetto alla versione pre-restyling cambia il frontale, aggiornato con la nuova mascherina ad inserti cromati che divide i grossi gruppi ottici a LED (nell'allestimento S10) dalle linee spigolose. Il profilo laterale è invece caratterizzato da una linea ascendente verso il posteriore che parte dai grandi passaruota anteriori, sotto i quali troviamo cerchi in lega da 16". Sono quattro i colori della carrozzeria: Artic White, DeSat Silver, Napoli Black e Rage Red. Con il restyling è stato introdotto il nuovo cambio manuale a 6 rapporti, che regala un po' di brillantezza in più nello sprint rispetto al vecchio cambio a 5 rapporti, mentre le sospensioni (ponte torcente all'anteriore, molla a balestra semi ellittica al posteriore) hanno una nuova taratura.

Gli interni puntano al pragmatismo grazie ad un layout moderno, nonostante la presenza di materiali rigidi concepiti per durare e la grafica un po' datata del touch screen da 7" pollici posto al centro della plancia. Stesso discorso per il quadro strumenti, dotato di elementi tradizionali come i quadranti analogici di tachimetro e contagiri ma ringiovanito da un layout moderno e dal piccolo display al centro che riporta le informazioni di marcia principali. Molto confortevole la seduta rialzata sui sedili in tessuto, antimacchia nella versione d'ingresso, più ricercato nell'allestimento S10. Occorre però fare l'abitudine alla posizione invertita della leva per azionare i tergicristalli rispetto a quella degli indicatori di direzione, retaggio della guida a destra indiana. L'abitabilità comunque è buona sia davanti sia dietro (nella versione a doppia cabina), visto che sul divanetto posteriore possono sedere comodamente anche tre adulti.

Mahindra GOA Pik-Up Plus: come va


Sotto il cofano del Mahindra GOA Pik-Up Plus c'è il robusto propulsore turbo-diesel common-rail 4 cilindri 2.2 da 140 Cv e 330 Nm di coppia a 1600 giri, che offre un ottimo spunto con la complicità dei rapporti piuttosto corti del cambio a 6 marce. Questo nonostante una massa in ordine di marcia che, nella versione 4x4, supera di poco le 2 tonnellate (2.055 kg). Discreto il comfort di marcia, forte di un buon livello di insonorizzazione e da una leva del cambio precisa e dagli innesti corti, nonostante uno sterzo molto demoltiplicato obblighi a lavorare molto con le braccia. Fattore che suggerisce di non esagerare col gas mentre si è sull'asfalto, complice un rollio piuttosto marcato in curva, come lo è il beccheggio in frenata. La trazione 4×2 arriva solo al posteriore, mentre nelle versioni 4WD si può optare anche per le ridotte girando l'apposita manopola nel tunnel centrale.

Inoltre, il differenziale meccanico posteriore MLD (Mechanical Locking Differential) con bloccaggio automatico al 100% è presente di serie. La versatilità del pick-up indiano si fa subito apprezzare in offroad, visti anche gli angoli di attacco pari a 34°, di dosso 18°, di uscita 15°. oltre all'altezza da terra di 210 millimetri. Dopo aver sperimentato il buon assorbimento delle sospensioni su fondo ghiaioso, abbiamo messo alla prova il GOA Pik-Up Plus sul mini percorso off-road allestito per l'occasione. Io ho voluto complicare le cose affrontando il twist con due sole ruote motrici, superando gli ostacoli senza nessun affanno. I consumi dichiarati nel ciclo misto sono pari a 9 l/100 km. Tra i sistemi di sicurezza presenti sono inclusi ABS, ESC, doppi airbag e scocca rinforzata. Tra gli optional sono disponibili  para-coppa inox, Roll-bar, gancio traino, vasca di protezione del cassone, hard top in vetroresina finestrato, telo copri-vano.

Primo contatto
6

Mahindra GOA Pik-Up Plus: in sintesi


Il Goa Mahindra Pik-Up Plus è un onesto lavoratore che sfrutta i suoi punti di forza come robustezza e versatilità di utilizzo. Nel panorama dei veicoli commerciali anche il prezzo è interessante.

Pro:


  • Motore: brillante e non troppo rumoroso

  • Prezzo concorrenziale


Contro:

  • Sterzo: pesante e non molto diretto

  • infotainment: grafica obsoleta


Mahindra GOA Pik-Up Plus: scheda tecnica


Dimensioni:

Lunghezza: 5175 mm
Larghezza: 1820 mm
Altezza: 1860 mm
Altezza da terra: 210 mm
Passo: 3040 mm
Peso in ordine di marcia: 2055 (versione 4x4 cabina singola)
Massa rimorchiabile: 3000 kg
Dimensioni vano di carico: 2294 x 1520 x 820 (cabina singola)
Motore e trasmissione:
Alimentazione: Diesel
Cilindrata: 2179 cc
Cilindri: 4 in linea
Potenza: 140 CV - 103 Kw
Coppia max: 330 Nm tra 1600 e 2800 giri
Cambio: manuale a 6 rapporti
Trazione: integrale
Omologazione: Euro 6
Prestazioni:
Velocità max: ND
Accelerazione 0-100 km/h: ND
Consumo misto dichiarato: 9 l/100 km

  • shares
  • Mail