Formula 1: Perez ha rischiato di investire due commissari

Tragedia sfiorata nel GP di Monaco di domenica scorsa: Perez ha rischiato di investire due commissari intervenuti per rimuovere i detriti in pista.


Anche se Lewis Hamilton ha condotto la gara dal principio alla fine, la settantasettesima edizione del GP di Monaco non è stata certamente tra le più noiose, come dimostra il contatto avvenuto al penultimo giro tra Verstappen ed Hamilton. Il pilota della Red Bull ha infatti tentativo di superare l'alfiere della Mercedes, in crisi con le gomme, all'uscita del tunnel, mettendo per un attimo in discussione la vittoria di Hamilton che a quel punto appariva scontata. Tra i protagonisti, malgrado il ritiro, c'è stato sicuramente anche Charles Leclerc, che ha infiammato il pubblico di casa con due sorpassi entusiasmanti effettuati al tornante del Loewe e alla Rascasse. Sulle ali dell'entusiasmo, il ferrarista ha provato a bissare la manovra alla Rascasse riuscita nel giro precedente ai danni di Grosjean, trovando però strada sbarrata da Nico Hulkenberg.

Testacoda e foratura per la posteriore sinistra della sua Ferrari, che ha cominciato a seminare pezzi di carbonio sul tracciato, a causa dei brandelli di gomma che battevano contro il fondo della vettura. Inevitabile a questo punto l'intervento della safety car per far rimuovere i detriti dai commissari. Mentre tutte le monoposto si stavano allineando dietro alla vettura di sicurezza, si è però sfiorato il dramma: nel rettilineo principale Sergio Perez si è trovato davanti due commissari intervenuti forse troppo celermente per svolgere il loro lavoro.

Per fortuna il pilota messicano della Racing Point viaggiava già a velocità ridotta, cosa che gli ha consentito di correggere in tempo la traiettoria per evitare i due commissari. Anche l'istinto di sopravvivenza dei due addetti ha giocato un ruolo decisivo nell'evitare lo stesso tragico epilogo dei GP di Canada 2013, Australia 2001 e Italia 2000: il primo commissario è infatti scattato velocemente verso la barriera, mentre il secondo ha avuto la prontezza di fermarsi in tempo per lasciar sfilare la monoposto di Perez. Il pilota messicano ha voluto esternare su twitter il suo sollievo per lo scampato pericolo, parlando di giornata positiva malgrado il deludente dodicesimo posto ottenuto in gara.

  • shares
  • Mail