Touring Superleggera al Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2019

La storica carrozzeria Touring Superleggera è presente al Concorso d'Eleganza Villa d'Este con una coppia di automobili speciali.

Il Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2019 è nel pieno del suo svolgimento e la carrozzeria Touring Superleggera vi sta prendendo parte con due automobili di grande esclusività: la Sciàdipersia Cabriolet e la Maserati A6G Gran Sport 2000 coupé Frua. Sono esemplari preziosi, che stanno guadagnando molte attenzioni nella splendida cornice di Cernobbio, sul Lago di Como.

L'evento lombardo, radicato nella storia della bellezza, mette in mostra lo stile, la distinzione e il patrimonio culturale a quattro ruote, con un fil rouge che lo accomuna allo spirito di Touring Superleggera, in un rapporto dove le vicende spesso si intrecciano.

Touring Sciàdipersia Cabriolet


La storica maison milanese, in questa edizione numero 90 del Concorso d'Eleganza Villa d'Este, mette in mostra il secondo esemplare della Touring Sciàdipersia Cabriolet, una vettura su base Maserati GranCabrio che è la sublimazione del lusso e della Dolce Vita, da assaporare facendo scorrere il panorama con la carezza del vento sui capelli.

Questa creatura pone l'accento sul piacere sensoriale e sposa nel modo più intimo il concetto delle fuoriserie personalizzate. Si tratta di un'automobile sportiva a quattro posti veri, che unisce il comfort alle emozioni dinamiche, nello spirito delle migliori granturismo. L'esemplare, come dicevamo, è il secondo della serie, ed è verniciato on Qehm Sunset, un colore chiaro e splendente che valorizza le forme del modello.

Per gli interni, realizzati con pellami Foglizzo, è stata scelta una combinazione Ocra e Crema, come un tramonto sulla sabbia, che ben si intona al resto della tela grafica. Le cuciture raggiate in colore a contrasto completano degnamente il quadro, senza spezzare l'armonia espressiva. Per spingere la Sciàdipersia Cabriolet è stato scelto uno degli ultimi V8 aspirati ancora disponibili, quello da 4.7 litri del "tridente", con riflessi positivi sull'erogazione e sulle note allo scarico.

Maserati A6G Gran Sport 2000 coupé Frua


Se oggi Touring Superleggera si ispira all'immensa eredità storica del marchio, per la produzione di vetture uniche o in pochissimi esemplari, doveroso è rendere un degno tributo alla tradizione, che al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este prende forma con l'esposizione di una splendida Maserati A6G Gran Sport 2000 coupé Frua 1952, con telaio 2028, presentata dalla divisione Restauro di Touring Superleggera, cui il facoltoso proprietario si è affidato per ridare lo splendore delle origini alla sua preziosa auto storica, confidando sulla profonda conoscenza dei metodi costruttivi dell'epoca dimostrata dall'atelier anche in precedenti incarichi.

Come tutte le vetture restaurate negli stabilimenti Touring, anche la Maserati in questione gode di una speciale certificazione che garantisce un restauro non solo a regola d'arte, ma eseguito secondo dettami e tecniche del tempo in cui la macchina è stata costruita. Il metodo di lavoro prevede un'accurata ricerca storica, parti di ricambio originali o realizzate ad hoc su progetto e disegno del tempo, metodi di costruzione e verniciatura originali o perfettamente compatibili, nel rispetto delle normative moderne. La certificazione è un documento che aggiunge ulteriore valore alle inestimabili automobili affidate a Touring per il restauro.

La A6G Gran Sport fu l'unica Maserati con la doppia identità di vettura stradale e da corsa, realizzata in serie. Dopo i successi della A6GCS sui circuiti internazionali, la casa del "tridente" la ridisegnò per adattarla all'uso stradale con l'intenzione di incrementarne la produzione. Questa creatura, spinta da un motore di due litri, fu carrozzata da grandi specialisti come Zagato, Vignale, Allemano e Frua.

L'esemplare esposto al Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2019 fu prodotto appositamente per il Salone di Torino del 1952, conquistando le prime pagine delle stampa dell'epoca. Le sue linee curve, sinuose ed eleganti, con interni particolarmente curati ed accoglienti, conquistarono i giurati di alcuni concorsi di bellezza.

  • shares
  • Mail