Audi: il motore 2.0 TFSI eletto Engine of the Year

Secondo i membri della giuria dell'International Engine of the Year si tratta di "uno dei più efficienti e versatili motori mai sviluppati al mondo...

Audi: il motore 2.0 TFSI eletto Engine of the Year

Audi conquista un altro successo agli International Engine of the Year, il quindicesimo, grazie al propulsore quattro cilindri 2.0 TFSI proclamato come miglior motore nella categoria con potenze da 150 a 250 CV. Secondo i membri della giuria si tratta di "uno dei più efficienti e versatili motori mai sviluppati al mondo".

La sigla TFSI, Turbocharged Fuel Stratified Injection, indica la sovralimentazione ottenuta mediante il turbocompressore e l'iniezione diretta della benzina. Nel 2004 la Casa dei quattro anelli è stato il primo marchio automobilistico ad applicare questa soluzione tecnica alla produzione di serie dando il via ad una strategia di riduzione delle cilindrate proprio in virtù dell'apporto della sovralimentazione grazie allo sviluppo del primo 2.0 TFSI che equipaggiava la A3 Sportback.

Un motore versatile posto in posizione longitudinale come in tutti i modelli di fascia alta Audi, ma che in applicazione trasversale è in grado di equipaggiare le automobili dei brand Volkswagen, Skoda e Seat. Nella versione più recente il quadricilindrico utilizza il Ciclo B di combustione a vantaggio dell'efficienza ai carichi medi. I consumi sono in linea con un propulsore di cubatura inferiore, ma le prestazioni sono quelle di un motore di grande cilindrata.

Attualmente il 2.0 TFSI è presente in numerosi modelli Audi con un range di potenza che arriva fino a 245 CV. Allo scorso Salone dell'Auto di Ginevra il 2.0 TFSI è stato presentato in anteprima mondiale sulla Q5, sulla A6 e sulla A7 Sportback in versione ibrida plug-in. Un motore dalle caratteristiche "flessibili" che ben si adatta anche alla gamma g-tron, in particolare su A4 Avant g-tron e A5 Sportback g-tron alimentate a metano o Audi e-gas.

  • shares
  • Mail