Maserati: verso lo sviluppo di un nuovo motore ibrido

Le ultime indiscrezioni sembrano suggerire che Maserati sia al lavoro per sviluppare un nuovo propulsore benzina 4 cilindri 2.0 litri nelle varianti mild hybrid e plug-in hybrid. Una decisione che sembra andare contro la grande tradizione del marchio del tridente, che ci ha abituati a vedere montati sui suoi modelli i ben più possenti e sportivi 6 e 8 cilindri

Maserati

Maserati starebbe lavorando per sviluppare un nuovo propulsore 2.0 litri 4 cilindri benzina da affiancare ai sistemi ibridi che presto debutteranno sulle nuove generazioni di automobili. Le ultime indiscrezioni, parlano di un'unità mild hybrid capace di circa 330 CV, e non é da escludere che sulla variante plug-in hybrid la potenza complessiva possa essere persino superiore, data la possibilità di montare un motore elettrico più performante.

Questa decisione, rientra in pieno nella strategia industriale che FCA ha elaborato per il futuro del Tridente: entro il 2022 nella gamma dovrebbero infatti entrare otto versioni ibride e quattro elettriche, soluzioni indispensabili per adeguarsi alle normative sulle emissioni inquinanti.

Il propulsore 2.0 litri ibrido dovrebbe venir adoperato per la nuova Ghibli, il cui debutto é atteso nel 2021, e per il prossimo SUV di dimensioni compatte che andrà a sfidare la Porsche Macan. Un motore con questa cilindrata, sembra storcere con la storia motoristica Maserati, che ci ha abituati da sempre a dimensioni più generose, come i mitici 6 e 8 cilindri.

I tempi moderni, tuttavia, richiedono uno sviluppo non solo in termini di prestazioni, ma anche di rispetto delle sempre più stringenti leggi per limitare l'inquinamento. Normale quindi che anche i grandi marchi dell'automobilismo sportivo rinuncino alla tradizione pur di evitare sanzioni che ne metterebbero in discussione la stabilità.

  • shares
  • Mail