1000 Miglia 2019: Alfa Romeo sempre vincente

Una 6C 1500 SS di FCA Heritage si è aggiudicata l'edizione di quest'anno della rievocazione della "Freccia rossa". Ancora un'Alfa 6C sul secondo gradino del podio, davanti ad una Bugatti.

1000 Miglia e Alfa Romeo creano un binomio indissolubile, valido tanto oggi quanto all’epoca in cui l’attuale rievocazione era una vera e propria corsa su strada, anzi la più importante gara del mondo fuori dalle piste. Allora sfrecciavano modelli appena usciti dalla fabbrica, oggi si tratta di auto storiche e auto d’epoca. La 1000 Miglia 2019 è stata dunque vinta da una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928, di proprietà del Museo storico Alfa Romeo di Arese, quindi appartenente ad FCA Heritage.

1000 Miglia 2019, i piazzamenti


L’equipaggio che si è aggiudicato con 74.752 punti la 37ma edizione della rievocazione storica è composto da Giovanni Moceri e Daniele Bonetti, rispettivamente medico e giornalista. I due hanno preceduto l’equipaggio che aveva vinto nel 2017, cioè Andrea Vesco e Andrea Guerini, sulla loro fida Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929 (73.611 punti). Terzo gradino del podio per gli argentini Juan Tonconogy e Barbara Ruffini, vincitori del 2018, a bordo di una Bugatti Type 40 del 1927 (72.876 punti). Quarta posizione per Alberto Riboldi e Paolo Sabbadini sun una O.M. 665 S Superba 2000 del 1926.

La coppa delle dame (cioè riservata ad equipaggi femminili) è andata a Silvia Marini e Francesca Ruggeri su una Aston Martin 2 Litre Speed Model del 1937. Tra i piloti professionisti di oggi e ieri, Romain Dumas è stato costretto al ritiro; in coppia con Armando Musotto viaggiava su una Porsche 550 A Spyder 1500 del 1957. L’indimenticabile Miki Biasion, in coppia con Piero Giovanni Pissavini, si è classificato al 113° posto su una Ferrari 250 Spider Vignale del 1953. Hanno preso il via in totale 430 vetture; 53 si sono ritirate. Sono stati percorsi 1.801 Km in 4 giorni, dal 15 al 18 maggio. In totale circa 40 ore al volante per ogni equipaggio, attraversando oltre 200 comuni in sette regioni italiane.

  • shares
  • Mail