Auto elettriche: nuovo incidente per una Tesla con autopilot

Il conducente a bordo della Model 3 che lo scorso marzo rimase coinvolto in un incidente mortale sembra che non avesse avuto le mani sul volante al momento dell'impatto. L'auto viaggiava con il sistema autopilot inserito, il quale non ha potuto evitare che la vettura invadesse la corsia laterale sulla quale sopraggiungeva un camion, causandone l'impatto

Tesla Model 3

Tesla torna a far di parlare di sé in seguito all'ennesimo incidente che ha per protagonista una vettura del gruppo con sistema autopilot inserito. La notizia riguarda un fatto di cronaca avvenuto lo scorso marzo in Florida, quando una Model 3, con la funzione per la guida autonoma inserita, é rimasta coinvolta in un sinistro fatale per il conducente.

Al momento dello scontro, sembra che l'automobilista non stesse tenendo le mani sul volante, lasciando quindi il pieno controllo all'auto elettrica e ai suoi sitemi di rilevamento degli ostacoli. Qualcosa non ha funzionato come dovuto, e la Model 3 ha invaso la corsia opposta, dove in quel momento sopraggiungeva un camion, che non ha fatto in tempo ad evitarla, provocando il tragico epilogo.

Questo episodio, é molto simile a quanto avvenuto nel maggio del 2016, sempre negli Stati Uniti, quando una Model S con sistema autopilot inserito, non individuò un tir fermo, schiantandosi contro esso e causando la morte di un ex Navy Seal. In seguito, il patron di Tesla Elon Musk ha assicurato che sarebbero stati rilasciati degli aggiornamenti software per migliorare la sensibilità dei radar delle proprie automobili.

Il sistema di guida autonoma sviluppato dall'azienda californiana sembra dunque non essere ancora pronto per poter accompagnare gli automobilisti nella massima sicurezza ed efficienza durante i loro spostamenti. La speranza é che nel prossimo futuro questa tecnologia sia abbastanza raffinata da evitare ulteriori, spiacevoli fatti di cronaca nera.

  • shares
  • Mail