Autostrade: in Italia energia pulita grazie al casello che sfrutta il moto ondoso

La startup Underground Power Srl é riuscita a sviluppare una tecnologia che consente di creare elettricità sfruttando l'energia rilasciata dalla frenata delle automobili ai caselli autostradali. Il principio é lo stesso del moto ondoso del mare, sfruttando una pedana stradale piatta che prende il nome di Lybra

La corsa alle energie rinnovabili si fa una necessità sempre più impellente per l'umanità: con una situazione di inquinamento ormai quasi fuori controllo, la ricerca di nuove soluzioni alternative ai combustibili fossili sta impegnando le migliori menti scientifiche. Tra queste, rientrano anche i fondatori della start up milanese Underground Power Srl, che ha sviluppato una nuova tecnologia in grado di sfruttare la frenata delle automobili per generare energia elettrica.

Questa dinamica é resa possibile da un'apposita pedana piatta stradale chiamata Lybra: il veicolo comprime questa superficie deformandola, che aziona un generatore elettrico in grado così di trasformare questa energia in elettricità. La prima installazione di Lybra é avvenuta nel 2014 a Rescaldina (MI) nella strada di accesso ad un centro commerciale, dopo anni di prove e studi, la società é adesso pronta a installare la pedana anche sulla pista di un casello autostradale.

La sede scelta é quella di Cordignano lungo la A28, dove ogni giorno si registrano circa 5.600 transiti. A seguito dell'installazione, l'azienda dovrà poi sottoporre l'installazione a nove mesi di test, terminati i quali, qualora i riscontri dovessero essere positivi, sarà firmato il verbale di accettazione del progetto. Lybra potrebbe così poi essere esteso a tutti i caselli della rete di Autovie Venete.

Analizzando un po' i dati a disposizione, questa tecnologia é oggi in grado di produrre, ad esempio a Rescaldina dove transitano 8.500 auto al giorno, circa 100 mila chilowatt/ora all'anno di elettricità: l'equivalente di circa 19 tonnellate di greggio. L'energia prodotta viene subito consumata in loco, così come sarà per la pista Telepass di Cordigliano.

Lybra non é comunque in grado di sostituire le fonti fossili o le altre energie rinnovabili per produrre energia in grado di alimentare per esempio le utenze domestiche, tuttavia la sua innovazione può essere complementare ad altre fonti a impatto a zero per la creazione virtuosa di energia elettrica.

  • shares
  • Mail