Auto elettriche: Toyota vende tecnologia a Singulato

Il gigante giapponese Toyota cede la tecnologia della sua auto elettrica utilitaria eQ alla start up cinese Singulato in cambio di crediti per non pagare multe in Cina.


auto elettrica utilitaria toyota eq singulato
Una auto elettrica utilitaria pronta alla produzione in cambio dei crediti necessari per non pagare pesanti multe in Cina per non aver prodotto e venduto EV. Sarebbe questo l'accordo trovato tra Toyota e Singulato, cioè Singular Auto, una delle infinite start up cinesi della mobilità elettrica.

Secondo quanto riporta Reuters, infatti, Toyota avrebbe venduto a Singulato la tecnologia del suo modello eQ in cambio di una corsia preferenziale per l'acquisto di crediti sulle auto elettriche. A differenza che in Europa, dove la normativa prevede limiti stringenti ai costruttori solo in merito alle emissioni di CO2 dei modelli venduti (limiti quindi tecnologicamente neutri) in Cina la legge prevede espressamente che, entro fine 2019, ogni costruttore auto debba vendere almeno il 10% di veicoli "NEV".

Cioè New Energy Vehicle, categoria che racchiude le auto elettriche a batteria, quelle a celle di combustibile idrogeno e le ibride plug-in. Toyota, temendo di non arrivare a rispettare questo limite già quest'anno, secondo Reuters si sarebbe assicurata i crediti necessari a non incappare nelle multe governative. Di contro, Singulato avrebbe pagato "diverse decine di milioni di dollari" per comprare il modello eQ di Toyota.

Modello che altro non è se non la versione elettrica a batteria della Toyota iQ, che la casa giapponese ha prodotto in soli 100 esemplari a partire dal 2012. Inizialmente Toyota prevedeva di costruirne 600, ma ben presto ha cambiato idea affermando che i clienti non erano disposti ad accettare la bassa autonomia del veicolo: 85 chilometri in condizioni ideali.

Adesso, però, Singulato afferma che grazie alle moderne batterie la stessa auto può percorrere 250-300 chilometri e ha intenzione di venderne addirittura 200 mila esemplari in cinque anni in Cina, con il nome di iC3 e un prezzo che, al cambio attuale, si aggira sui 15 mila dollari. La iC3, inoltre, sarà equipaggiata con moderne tecnologie di connettività e sarà altamente personalizzabile dal cliente.

Toyota, invece, ha annunciato nell'ottobre scorso la nascita di una divisione specifica per la progettazione di macchine elettriche di nuova generazione. Nel frattempo, oltre che con Singulato, ha stretto accordi anche con un'altra cinese: GAC, per conto della quale, sempre per accumulare crediti, costruirà una auto elettrica destinata al mercato cinese.

  • shares
  • Mail