Auto elettriche: Hyundai e Kia svilupperanno una nuova piattaforma per EV

I due marchi coreani sarebbero pronti a sviluppare una nuova piattaforma sulla quale costruire i loro futuri modelli elettrici. I prossimi EV vedranno inoltre il debutto di un nuovo corso stilistico più audace e moderno con l'obiettivo di attirare l'interesse delle nuove generazioni, sempre meno interessate alla guida e all'acquisto di un'automobile

auto elettriche kia concept salone di ginevra 2019

Hyundai e Kia sono al lavoro per realizzare una nuova piattaforma sulla quale sviluppare le prossime generazioni di automobili elettriche. Secondo le ultime indiscrezioni, entro due anni i coreani avranno a disposizione un'architettura simile alla tecnologia MEB del gruppo di Volkswagen, che permetterà di realizzare studi e progetti su nuove EV.

Secondo i piani del gruppo, infatti, entro il 2025 saranno disponibili a listino ben 38 veicoli a basse emissioni, di cui 14 completamente elettrici: in questa strategia rientrano inoltre gli investimenti fatti per realizzare nuovi modelli ad idrogeno da affiancare al SUV Hyundai Nexo.

Attualmente, la gamma elettrica di Hyundai e Kia si basa semplicemente su versioni a batteria dei modelli di serie, sfruttando quindi sia la stessa architettura sia lo stesso design. Proprio l'aspetto estetico sarà rivisto con l'introduzione della nuova generazione di elettriche, che offrirà uno stile più moderno e audace con l'obiettivo di attirare l'attenzione anche dei più giovani, i quali sono sempre meno interessati alla guida e all'acquisto di una nuova automobile.

Affinché questo obiettivo possa essere raggiunto, i due marchi sfrutteranno la tecnologia della stampa 3D per realizzare alcune parti dei veicoli, in modo da donare una forma e un aspetto innovativo e dinamico, difficilmente realizzabile altrimenti. La sempre maggiore richiesta di veicoli elettrici ha convinto Hyundai e Kia a incrementare a partire dal prossimo anno la produzione di auto a batteria, nella speranza che questa tendenza si consolido nel tempo e sappia proseguire con l'arrivo delle prossime generazioni di automobilisti.

  • shares
  • Mail