Auto elettriche Tesla: arriva la ricarica a 250 kW

Elon Musk annuncia l'arrivo dei Tesla Supercharger V3 da 250 kW di potenza: le auto elettriche californiane li potranno usare con un aggiornamento software OTA.



Mille miglia in un'ora: è questa l'autonomia che si può aggiungere ad una auto elettrica Tesla grazie ai nuovi Supercharger V3 con potenza da 250 kW, appena annunciati dall'azienda di Elon Musk con l'immancabile tweet al quale è seguito il breve video che vedete e un post sul blog dove si spiega anche quando e come le Tesla saranno compatibili con la nuova ricarica.

Affinché le macchine elettriche già circolanti siano in grado di ricevere l'elevata potenza della ricarica ultraveloce, sarà necessario un aggiornamento software. Niente officina, quindi, ma solo un upgrade OTA (Over The Air, scaricato da Internet) come è ormai consuetudine di Tesla. Il primo modello ad essere aggiornato sarà quello dai volumi maggiori, cioè la Model 3, seguito da Model S e Model X.

"Stiamo per lanciare il Supercharging V3 per la Model 3, il nostro veicolo dai volumi di vendita maggiori - spiega Tesla sul suo blog - e continueremo ad espandere l'accesso man mano che riceviamo e controlliamo i dati di milioni di cicli di ricarica. Aggiorneremo la Model S e la Model X via software nei mesi successivi. Il Supercharging V3 sarà disponibile per il resto del parco auto con un update OTA del firmware di tutti i possessori di Tesla nel secondo trimestre, man mano che i Supercharger vengono allacciati alla rete".

I primi Supercharger V3 da 250 kW di potenza verranno installati entro il prossimo mese, nel secondo e terzo trimestre verranno diffusi negli Stati Uniti e nel quarto trimestre anche in Europa e Asia.

Nel frattempo un altro aggiornamento software OTA introdurrà nelle Tesla la funzione "On-Route Battery Warmup" che permetterà una ricarica ancora più veloce: quando il guidatore di una Tesla imposterà come destinazione sul navigatore un punto di ricarica, il sistema di raffreddamento/riscaldamento del pacco batterie inizierà a portare le batterie alla temperatura ideale per la ricarica.

In questo modo l'auto arriverà alla colonnina con la batteria già alla temperatura ideale e, ricaricando a 120 kW, i tempi di ricarica si ridurranno del 25%. L'abbinamento tra ricarica a 250 kW e On-Route Battery Warmup, invece, porta ad un abbattimento del 50% dei tempi: una Model 3 Long Range guadagna 120 chilometri di autonomia in appena 5 minuti, cioè 1.000 miglia (ovvero 1.600 chilometri) in sessanta minuti.

  • shares
  • Mail