Opel GT X Experimental: l'auto del futuro è un SUV elettrico [Video]

A Milano Opel ha presentato il prototipo GT X Experimental, veicolo che vuole anticipare il futuro della mobilità secondo il costruttore tedesco che sarà elettrica, connessa e minimalista. La concpet presenta un frontale innovativo e che rivedremo sui modelli di nuova generazione del gruppo, così come alcune tecnologie di bordo di ultima generazione

Milano è stata scelta da Opel per presentare la sua nuova concept GT X Experimental: veicolo che anticipa non solo lo stile che vedremo sui nuovi veicoli del marchio tedesco, ma anche le innovazioni tecnologiche e di mobilità con cui saremo destinati a confrontarci nel prossimo futuro.

Ecco quindi, secondo Opel, che nel futuro gli automobilisti vorranno guidare veicoli rialzati ed elettrici: GT X Experimental è un prototipo che rappresenta una perfetta sintesi di queste due esigenze, dato che si tratta di un Crossover a propulsione completamente elettrica. Lo stile della carrozzeria presenta alcuni elementi di avanguardia, con linee spigolose e muscolose ed elementi scenografica, come l'ampissima apertura ad armadio delle portiere che avviene con un meccanismo elettronico.

Tra gli elementi di maggiore interesse, il frontale del veicolo, che anticiperà ciò che vedremo sui veicoli di serie Opel di nuova generazione. A un primo impatto, salta subito alla vista il nuovo pannello nero dall'aspetto semplice e che copre per l'intera lunghezza la zona anteriore del veicolo, questo nuovo modulo prende il nome di "Vizor" ed è qui che sono concentrate tutti i sensori e i radar che predisporranno l'automobile ad avere sistema di assistenza alla guida sempre più moderni ed efficienti.

Il prototipo esposto nella metropoli lombarda era addirittura in grado di assicurare una guida autonoma di livello 3, rendendo di fatto l'automobilista un semplice passeggero, anche se sempre pronto ad intervenire in situazioni di pericolo. Persino il logo della casa era integrato nel "Vizor" e non disponeva più di un supporto fisico, era bensì realizzato con delle luci a LED di colore blu.

L'obiettivo dichiarato dei designer di Opel era di realizzare un veicolo estremamente lineare, pulito e semplice. GT X Experimental sembra essere una perfetta realizzazione di queste tre linee guida, presentando superfici lisci ed addirittura privi di specchietti retrovisori, sostituiti da micro telecamere posizionate nella zona posteriore.Persino gli pneumatici e relativi cerchioni presentano un design audace e molto più simile, per struttura e dimensioni a ruote da fuoristrada.

Lo stemma presente sul mozzo è anch'esso realizzato con la tecnologia LED e non segue la direzione della ruota, restando di fatto sempre immobile durante le fasi di marcia. La pulizia del veicolo è elemento distintivo anche della zona posteriore, dove troviamo solamente due sottili luci a LED e la denominazione dell'auto posta in basso.

Il rigore e l'attenzione a uno stile moderno sono ripresi anche negli interni del prototipo. Qui i sedili sembrano sospesi e le casse per poter ascoltare la musica sono integrate nel poggiatesta. La plancia è assolutamente driver oriented, con un grosso pannello posto nella zona del conducente dal quale è possibile controllare ed impostare ogni singolo parametro del veicolo. Al centro del grosso schermo troviamo la strumentazione di bordo interamente digitale e il sistema di infotelematica.

Ai lati, invece, altri due piccoli display mostrano in tempo reale le immagini trasmesse dalle microcamere. Il volante, anch'esso frutto del nuovo corso stilistico di Opel, presenta al suo centro il logo dell'azienda sempre realizzato con punti luce blu, comportandosi nello stesso modo del marchio virtuale presenti al centro dei cerchioni.

  • shares
  • Mail