Motor Valley Fest: presentato il nuovo Motor Show

Presentata la prima edizione del Motor Valley Fest, un nuovo format che sostituisce il Motor Show nella grande terra dei motori.

Motor Valley Fest presentato il nuovo motor show

Lo avevano annunciato il giorno dell’addio definitivo al Motor Show di Bologna. La kermesse motoristica più amata dagli italiani non sarebbe mai più risorta dalle sue ceneri, ma avrebbe cambiato veste. Rimanendo in terra di motori, ma cambiando provincia, tempi e modi: il Motor Valley Fest debutterà il  16 maggio a Modena, e fino a domenica 19 maggio la Motor Valley dell’Emilia Romagna si racconterà  per la prima volta in un vero e proprio Festival “diffuso”, interamente gratuito.

Una nuova formula di evento nella Terra dei Motori che vanta la più alta concentrazione al mondo di brand motoristici a due e quattro ruote, per conoscere un territorio e le sue eccellenze, dalla cucina stellata di Massimo Bottura alla musica di Luciano Pavarotti, passando per il distretto della moda, con un calendario di iniziative per il pubblico e per gli addetti ai lavori.

"La città si sta preparando ad accogliere la festa dei motori, con auto e moto da sogno che sfileranno nel cuore del centro storico, accanto alle bellezze dei nostri monumenti. Sono migliaia ogni anno i turisti che visitano la rete dei musei della Terra dei motori, a partire da quello realizzato nella Casa natale di Enzo Ferrari." – sottolinea Giancarlo Muzzarelli, Sindaco di Modena - "Ma a Modena accanto alle auto del passato, si producono le auto di oggi e, soprattutto, si progettano quelle del futuro grazie alla collaborazione con l’Università e al progetto Masa con il quale stiamo realizzando un vero e proprio laboratorio a cielo aperto per le esperienze sulla guida connessa e autonoma. Nella festa di Modena innovazione e ricerca saranno protagoniste".

Una motor experience ma non solo dunque, con le quattro giornate trasformate in un evento diffuso capace di coinvolgere la città  con iniziative focalizzate su tre principali tematiche: Innovazione e  Motorsport, Passione e Velocità, e l’Expo con un fil rouge che animerà il centro della città di Modena attraverso attività espositive dedicate a  musei, collezioni e costruttori. L’innovazione nel campo dell'ingegneria e della ricerca vedrà la sua casa a ModenaFiere dove i principali brand del MotorSport  porteranno in scena le più significative novità del settore, e accanto alle Università dell’Emilia Romagna saranno ospitate le migliori Università Italiane e le start up legate al mondo dell’automotive con attività di open innovation organizzate fra professori e studenti in collaborazione con aziende del settore.

"Occupazione, export, identità, turismo, visibilità internazionale: la Motor Valley dell’Emilia Romagna rappresenta per le sue molteplici valenze una risorsa unica per il nostro territorio" -  dichiara Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna -"Sono oltre 66.000 gli occupati nelle 16.500 imprese attive, con 5 miliardi di euro di fatturato dall’export- continua Bonaccini-  per non parlare dell’eccezionale richiamo turistico della nostra Terra dei Motori, che attrae ogni anno milioni di appassionati, che hanno l’opportunità di scoprire le tante eccellenze della Regione, dall’eccezionale offerta enogastronomica ai capolavori d’arte UNESCO, passando per il benessere termale, la natura del nostro Appennino e del Delta del Po e tanto altro. Abbiamo i motori nel sangue e questo evento unico celebrerà la nostra passione, rendendo omaggio ad una dei distretti regionali in cui identità e tradizione si fondono al meglio con dinamismo e spinta continua all’innovazione".

La passione per la velocità potrà scatenarsi in pista all’Autodromo Marzaglia di Modena, con tante iniziative come l’inizio del Campionato per auto elettriche di serie organizzato da Fia il 17 maggio, per arrivare alle prove su strada e offroad con i tester e piloti a raccontare i segreti di almeno 100 fra le novità più interessanti, e terminare domenica 19 maggio con la  Crazyrun, la 500km di puro divertimento in cui 80 team super selezionati a bordo dei loro bolidi dovranno superare 10 checkpoint segreti da scovare risolvendo degli enigmi.

La Casa del Cavallino sarà regina del centro storico il 17 maggio con uno spiegamento dei suoi modelli più belli in Piazza Roma in occasione del Ferrari Tribute, lo storico raduno del Cavallino Rampante che attraversa l’Italia sulle strade percorse dalla 1000 Miglia, mentre il 18 maggio culminerà con l’evento più atteso e il passaggio al parco Novi Sad delle oltre 400 auto della 1000 Miglia. "Un attrattore turistico mondiale" - dichiara Andrea Corsini Assessore Regionale al Turismo dell’Emilia Romagna - "e un moltiplicatore di presenze verso la nostra regione e, dunque, verso questo Paese. L’impatto del prodotto tematico Motor Valley si è tradotto, nel 2017, in 135 milioni di euro derivanti dal movimento turistico verso musei e collezioni nell’area di Modena e Bologna a cui si è aggiunta la ricaduta economica di oltre 171 milioni di euro derivanti dalle attività dei circuiti di Misano e Imola. La domanda e l’interesse sono in continuo aumento e ancora grandi le prospettive di crescita all’orizzonte: la Motor Valley è a tutti gli effetti una motivazione di viaggio sia per i Baby Boomer che per i Millennial e la Generazione X. Oggi e domani la Motor Valley è una grande esperienza di Italian Lifestyle e una travel leisure experience di sicuro appeal: questi i presupposti su cui è nato il primo Motor Valley Fest".

A cura di Savina Confaloni.

  • shares
  • Mail