Chiuso il viadotto Puleto sulla E45: la procura di Arezzo ne dispone il sequestro [Video]

La procura di Arezzo ha disposto il sequestro del viadotto Puleto sulla Superstrada E45, un'inchiesta sullo stato dell'infrastruttura era già stata aperta l'11 Febbraio del 2018 e in un video denuncia di due mesi fa è possibile notare lo scarso stato di manutenzione in cui versano i piloni.

Il tribunale di Arezzo ha disposto il sequestro del viadotto Puleto sulla superstrada E45, nei pressi del paese di Valsavignone. Un'inchiesta sullo stato di conservazione dell'infrastruttura era già stata aperta dal procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, in seguito al cedimento di una piazzola di sosta avvenuto nel territorio di Pieve Santo Stefano.

Il sequestro è stato disposto Mercoledì mattina dai Carabinieri, giunti sul posto insieme ad un centinaio di operai dell'ANAS. A partire dalle 14, il traffico in entrambe le direzioni sulla statale 3bis "Tiberina" ha smesso ci circolare per motivi di sicurezza. La stessa ANAS ha comunicato che "sta già fornendo in queste ore ai periti della Procura tutti gli elementi conoscitivi tecnici sul viadotto Puleto, per rappresentare al meglio le condizioni dell'infrastruttura e i lavori di manutenzione già avviati a dicembre, al fine di consentire una veloce riapertura al traffico ed evitare gravi disagi alla circolazione".

Anche il ministero delle infrastrutture e dei trasporti è voluto intervenire sulla questione della chiusura della E45 attraverso una nota: "Il ministro Toninelli sta seguendo con attenzione la gestione della chiusura della strada statale 3bis Tiberina (E45)" -che continua ribadendo- "che il viadotto fosse sotto monitoraggio da parte di Anas, non a caso i lavori di manutenzione sono stati già programmati e avviati a dicembre". "La società delle strade - conclude il ministero- sta verificando con i periti della Procura la possibilità di riaprire alla circolazione l'infrastruttura, con limitazioni al traffico, ed è già impegnata sui percorsi alternativi per alleviare in questa fase i disagi alla circolazione. La sicurezza delle nostre reti viarie rimane una priorità assoluta del Governo".

L'ordinanza con la quale è stato disposto il sequestro sottolinea come la chiusura si sia resa necessaria per criticità estreme, a causa del perdurare del viadotto all'usura provocata dal tempo e dall'intenso flusso veicolare che ogni giorno lo percorre. Un primo allarme, ero però stato lanciato lo scorso Novembre quando un video amatoriale registrato da un ex poliziotto mostrava l'avanzato stato di usura del cemento armato che ricopre uno dei piloni. Così fragile ora da sgretolarsi tra le dita.

La chiusura del viadotto del Puleto, che collega Toscana e Emilia-Romagna, solleva le preoccupazioni dei sindaci dell'Unione dei comuni valle del Savio, che chiedono ora di poter incontrare il premier Giuseppe Conte e il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli.

Interrompere la viabilità tra le due regioni comporta, secondo gli amministratori "gravissimi danni di natura economica e sociale, con prevedibili e gravi disagi per i nostri territori e paesi, che si troveranno a subire il deflusso di migliaia di veicoli costretti a trovare vie secondarie per le strade dell'appennino". A questo proposito i sindaci chiedono che un incontro con le istituzioni  avvenga al più presto per poter così trovare una soluzione a questa difficile situazione.

  • shares
  • Mail