Auto elettriche: ecologiche anche se vanno a carbone

Uno degli argomenti di chi non ama le auto elettriche è quello che se l'elettricità si fa dal carbone esse sono più inquinanti di diesel e benzina, ma uno studio di Bloomberg dice di no.


Auto storiche elettriche


Con tutte le case automobilistiche che si accingono a presentare nuove gamme di auto elettriche, i futuri acquirenti si dividono in due: c'è chi crede che gli EV siano la soluzione a gran parte dei problemi di inquinamento e di emissioni di CO2 e chi, al contrario, mette in luce il fatto che la riduzione delle emissioni inquinanti e climalteranti avverrà solo se l'elettricità sarà prodotta da fonti rinnovabili.

L'idea, assolutamente legittima, è semplice: se facciamo l'elettricità dal carbone alla fine le auto elettriche potrebbero inquinare ed emettere CO2 anche più di diesel e benzina. Persino il CEO di Volkswagen, Herbert Diess, ha espresso questo dubbio nello stesso momento in cui confermava che la sua casa automobilistica vuole essere leader nell'elettrificazione entro il 2025.


Un recente contributo in questo dibattito lo offre Bloomberg New Energy Finance (BNEF), centro di ricerca collegato alla nota agenzia di stampa americana. Secondo BNEF gli EV sono già oggi meno inquinanti ed emettono meno CO2 anche se nel mix energetico (cioè il mix di fonti, rinnovabili e non, utilizzate per produrre l'elettricità) abbonda il carbone. Come in Cina e in Germania.

emissioni co2 auto elettriche
In questo grafico la linea grigia si riferisce alle emissioni di un veicoli ICE medio. Dove ICE sta per "Internal Combustion Engine", cioè un motore termico alimentato a benzina o diesel, e medio si riferisce alla media dei modelli venduti, che hanno tutti emissioni diverse.

Già oggi questa linea è la più alta di tutte e supera ogni altra linea, che rappresenta le emissioni collegate ad un veicolo elettrico che fa il pieno di energia in Cina, Germania, Francia, Regno Unito, Stati Uniti o Giappone.

Questi paesi hanno un mix energetico completamente diverso tra loro, con più o meno carbone, rinnovabili o nucleare. Ma Germania e Cina spiccano per la quota di carbone utilizzata per produrre l'energia elettrica: circa il 30-35% la prima, oltre il 50% la seconda.

In più, dall'analisi di Bloomberg sulle tendenze future nel settore della produzione di energia elettrica risulta che il mix energetico di tutti i paesi diventerà sempre più pulito e, di conseguenza, le emissioni correlate alla circolazione su veicoli elettrici andranno a diminuire notevolmente.

Anche le emissioni dei veicoli ICE diminuiranno, grazie all'adozione di tecnologie migliori (soprattutto sui diesel), ma con un ritmo decisamente inferiore.

Ad una conclusione molto simile era arrivata anche, nel novembre dell'anno scorso, l'European Environment Agency (Agenzia Europea per l'Ambiente), che aveva stimato le emissioni di CO2 delle macchine elettriche alimentate con il mix energetico europeo e aveva concluso che sono inferiori dal 17% al 30% rispetto a quelle delle auto diesel e a benzina, in base al Paese europeo preso in considerazione.

  • shares
  • Mail