Airbag Takata: FCA richiama 1,4 milioni di veicoli in USA

Prosegue anche per il gruppo FCA la procedura di richiamo per sostituire gli airbag difettosi prodotti dalla giapponese Takata.


airbag difettosi takata


Proseguono i richiami in Nord America delle auto, di numerosi costruttori, equipaggiate con gli airbag difettosi prodotti dall'ormai fallita azienda giapponese Takata. Dopo quelli annunciati ieri da Toyota, per 1,7 milioni di veicoli, oggi tocca al gruppo FCA richiamare 1,4 milioni di vetture vendute in USA.

Per la precisione, ad essere richiamati in officina per la sostituzione gratuita dell'importante dispositivo di sicurezza sono le Jeep Wrangler prodotte dal 2010 al 2016, i Ram 3500 e 4500/5500 Chassis Cab, la Dodge Dakota del 2010 e 2011, la Dodge Challenger prodotta dal 2010 al 2014, la Dodge Charger prodotta dal 2011 al 2015 e la Chrysler 300 prodotta dal 2010 al 2015.

Agli 1,4 milioni di auto vendute in USA si aggiungono, nello stesso maxi richiamo, altre 200 mila vetture vendute in altri mercati. Come nei casi precedenti il richiamo è necessario per sostituire gli airbag difettosi che potrebbero esplodere improvvisamente, a causa dell'instabilità del composto chimico usato da Takata per la piccola carica esplosiva.

Sono 23, fino ad oggi, i casi di morte per colpa di questi airbag ufficialmente accertati. A causa dello scandalo derivante dalla scoperta dei dispositivi difettosi Takata, che prima era il leader mondiale degli airbag e forniva una ventina di case automobilistiche, è stata costretta a portare i libri in tribunale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail