Tesla: Musk pronto ad acquistare le fabbriche che GM intende chiudere

Il padrone di Tesla potrebbe acquisire le strutture industriali che saranno dismesse da General Motors nei prossimi mesi, che porteranno al taglio di 14mila posti di lavoro

elon musk tesla frode sec

Elon Musk, CEO di Tesla, in un’intervista televisiva a “60 Minutes” ha dichiarato che è possibile che la sua azienda compri diverse fabbriche della General Motors, che la società intende chiudere nel suo maxi piano di rilancio negli Usa.

Il mese scorso, GM ha annunciato l'intenzione di chiudere cinque stabilimenti in Ohio, Maryland, Michigan e Ontario nel 2019. Inoltre, la casa automobilistica ha dichiarato che avrebbe ridotto la forza lavoro del 15%, prevedendo il licenziamento di 14mila posti di lavoro e interrotto la produzione di alcuni dei suoi modelli in diverse fabbriche.

"L'obiettivo di Tesla è celebrare l'avvento dei veicoli elettrici e dei trasporti sostenibili, cercare di aiutare l'ambiente, riteniamo che sia il problema più serio che l'umanità deve affrontare", ha detto Musk.

auto elettriche tesla gigafactory cina

La mossa di GM è stata la più grande riorganizzazione della compagnia da quando è stata dichiarata bancarotta nel 2009, che si è conclusa con un salvataggio da parte di contribuenti statunitensi e canadesi. Parte di quella ristrutturazione includeva più attenzione alle auto elettriche, notizie che Musk celebrava nell'intervista con 60 minuti.

Dimessosi dalla carica in seguito ad un accordo con la Sec, il patron di Tesla, inoltre, non lascia via di scampo alla nuova amministratrice delegata, Robyn Denholm, manager australiana che lo ha sostituito a novembre.

Robyn Denholm presidente cda tesla

"Denholm non può controllarmi, non è realistico visto che sono e resto l'azionista di riferimento di Tesla", ha spiegato Musk, che detiene infatti il 20% delle azioni di Tesla.

  • shares
  • Mail