Auto elettriche: Rivian presenta il pick-up R1T e sfida Tesla

Al Salone di Los Angeles la start up delle auto elettriche Rivian porterà il suo primo modello, la R1T: un furgone pick-up con oltre 640 km di autonomia.


Fioccano le start up nel settore delle auto elettriche e un po' tutte hanno un sogno: sfidare Tesla con modelli di alta gamma, con ottime prestazioni e autonomia sufficiente a farci scordare l'ansia da ricarica. L'ultima di queste start up è Rivian, società di Plymouth in Michigan, che ha appena presentato la R1T. Si tratta di un pick-up in pieno stile americano, lungo 5.465 mm, che avrà una batteria fino a 180 kWh (praticamente il doppio di quella della Audi e-tron) in grado di garantire una autonomia da 400 miglia (oltre 640 chilometri).

La RT1 verrà portata anche al Salone di Los Angeles, che aprirà i battenti il 30 novembre, e saranno in molti a guardarla perché le caratteristiche tecniche annunciate sono di primo livello a fronte di un prezzo decisamente interessante (probabilmente troppo). La base su cui verrà costruito R1T (ma anche il suo successore: il SUV elettrico R1S) è la piattaforma proprietaria "Skateboard" che ingloba il pacco batteria, le sospensioni, i motori, il sistema frenante e il raffreddamento tutto al di sotto dell'altezza del mozzo delle ruote, lasciando ampio spazio a guidatore e passeggeri.

Questa architettura, come è facile intuire, offre un baricentro molto basso che migliora l'agilità e la stabilità del veicolo. Le sospensioni sono a doppio braccio trasversale di diversa lunghezza all'anteriore e multi-link al posteriore, sono dotate di controllo dinamico del rollio e ammortizzatori adattivi con sospensioni pneumatiche regolabili in altezza.

I motori sono 4, uno per ruota, con una potenza di 200 CV e una coppia mostruosa: 3.500 Nm per ruota, 14.000 Nm di coppia per l'intero veicolo. L'R1T può raggiungere i 96 km orari in 3 secondi e i 160 km orari in meno di 7 secondi. La velocità massima è di 200 chilometri orari. Motore e telaio saranno omologati per un traino massimo di 5.000 chili (a cui si aggiungono 800 chili nel cassone posteriore).

"La bellezza e l'eleganza della nostra configurazione quad-motor non riguardano solo la potenza bruta - spiega Mark Vinnels, ingegnere capo di Rivian - questa architettura fornisce una coppia istantanea con un controllo estremamente preciso su ciascuna ruota, cambiando completamente il gioco se guardiamo alla dinamica, sia su strada che fuoristrada".

Il design della R1T è abbastanza semplice, pulito ma intelligente grazie allo spazio messo a disposizione dalla piattaforma utilizzata. Spicca, ad esempio, l'ampio vano porta oggetti dietro la fila di sedili posteriori da 350 litri e quello frontale da 330 litri, al posto del classico motore termico. La R1T è caratterizzata da sporgenze corte, elevata altezza da terra e angoli di attacco e di uscita molto aggressivi. Sotto il piano del cassone posteriore c'è un ulteriore vano da 200 litri che può ospitare una ruota di scorta.

Gli interni mostrano materiali di pregio, come pelle e legno (ma Rivian garantisce che sono studiati per essere facili da pulire), ampio spazio per guidatore e passeggeri e un enorme display touch screen centrale da 15,6 pollici a cui si aggiungono un quadro strumenti da 12,3 pollici e un touch screen posteriore da 6,8 pollici.

Ma la cosa più impressionante di questo pick-up elettrico è il pacco batterie: si parte da 105 kWh e si può salire a 130 kWh o addirittura a 180 kWh. Batterie compatibili con la ricarica ultraveloce fino a 160 kW (che permette di aggiungere 320 chilometri di autonomia in 20 minuti) e con la ricarica classica da 11 kW. Le batterie hanno una protezione sottoscocca e un sistema di raffreddamento avanzato, mentre gli algoritmi di controllo adattivo imparano il comportamento del conducente, ottimizzando la gestione della batteria per massimizzare l'autonomia, l'affidabilità e limitare l'invecchiamento degli accumulatori.

Venendo alla tecnologia di bordo, Rivian presenta la sua R1T come un'auto connessa e, soprattutto, semi-autonoma. Sono supportati gli aggiornamenti OTA del software e il veicolo elettrico si connette a un ecosistema cloud per lo scambio e l'elaborazione dei dati. Non manca l'app per controllare il veicolo a distanza.

Per quanto riguarda la guida assistita, Rivian promette "una robusta suite hardware con modalità multiple tra cui telecamera, lidar, radar, ultrasuoni e GPS ad alta precisione accoppiati a mappe ad alta definizione". Questo hardware consente la guida autonoma di Livello 3 in autostrada. Sul fronte sicurezza (dove Rivian è convinta di poter ottenere le 5 stelle ai test NHTSA) la R1T avrà 8 airbag, rinforzi per la batteria e una serie completa di sistemi di sicurezza attiva gestiti dall'hardware per la guida autonoma.

Ma quanto costerà tutto questo ben di Dio? Talmente poco che è difficile crederci: i prezzi per l'R1T in versione base (quindi già con batteria da 105 kWh) partono da 61.500 dollari dopo il credito fiscale federale (pari a 7.500 dollari). Le consegne inizieranno alla fine del 2020. I veicoli con equipaggiamenti top di gamma, con prestazioni e batteria superiori entreranno per primi nella produzione, le versioni "base" arriveranno 12 mesi dopo.

Una strategia commerciale molto simile a quella di Tesla, che ha promesso la Model 3 da 35 mila dollari ma fino ad oggi ha venduto solo versioni da 45 mila dollari o più. Rivian, nel frattempo, accetta preordini con un deposito rimborsabile di appela 1.000 dollari. Vedremo quante di queste promesse diventeranno realtà.

  • shares
  • Mail