Tesla Model 3: il testacoda a 220 km/h è da brividi [Video]

Le doti dinamiche della Tesla Model 3 messe a dura prova nella pianura di Bonneville Salt Flats.

Tesla Model 3 sarà, secondo quanto dichiarato dal fondatore della casa Elon Musk, il primo vero veicolo elettrico di massa, in grado di anticipare i tempi verso l'elettrificazione del trasporto urbano. Nonostante una serie di incertezze durante la produzione, la nuova automobile della casa americana sembra non solo essere un veicolo del futuro, ma anche estremamente veloce.

Sul confine tra lo Utah e il Nevada si estende per 260 km quadrati, la Bonneville Salt Flats, una pianura salata ideale per ospitare gare di velocità e da dove è stato ricavato il circuito Bonneville Speedway.


Tesla Model 3: testacoda a 220 Km/h nel deserto


Un utente di Youtube, Ben Ahlander, ha così pensato di mettersi alla guida di una Tesla Model 3 e di testare le sue doti dinamiche nell'immensa distesa salata statunitense. Secondo quanto dichiarato da Tesla, l'automobile sarebbe in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3.3 secondi raggiungendo una velocità massima di 250 km/h; risultati ottenibili grazie al powertrain del veicolo che comprende due motori elettrici in grado di distribuire la potenza su tutte e quattro le ruote.

Lo youtuber americano decide così di mettere alla prova quanto dichiarato dell'azienda californiana in una maniera non troppo sicura. L'auto raggiunge effettivamente i 250 km/h, come dimostrato nella prima parte del video. Successivamente, iniziata una seconda accelerazione, dopo aver raggiunto circa i 220 km/h, l'automobile inizia a perdere il controllo compiendo anche un testacoda, il tutto mentre il conducente e il passeggero ridono beatamente incuranti di quanto potesse essere rischiosa una situazione di questo tipo.

La perdita di controllo potrebbe essere imputata, oltre che alla altissima velocità, alla sabbia, che ha compromesso l'aderenza degli pneumatici sul terreno. Dal punto di vista tecnico, si è potuto notare comunque come il basso baricentro della Tesla abbia giocato un ruolo di primaria importanza nel mantenere il veicolo ben piantato a terra mentre il pilota perdeva il controllo.

Nonostante ciò, ci sentiamo di suggerire che qualora voleste testare fino in fondo le doti del vostro veicolo, il modo migliore per farlo è quello di rivolgersi agli esperti del settore e di guidare in pista, e non di improvvisarvi piloti su circuiti di dubbia efficacia.

A cura di: Tommaso Marcoli

  • shares
  • Mail