Vendite auto Europa: triste ottobre

Calano le immatricolazioni, i costruttori faticano ad allineare i livelli di produzione allo standard WLTP. Diesel torturato, la CO2 ringrazia. Mini migliore marca dello scorso mese

Adattare i modelli al nuovo sistema di test WLTP sta provocando un forte ritardo nella produzione, quindi si vendono meno veicoli; inoltre la minaccia persistente dei divieti di circolazione nelle grandi città sta aggravando la crisi del diesel. Il risultato logico è uno solo: le vendite di auto in Europa rallentano. Anche ottobre 2018 ha fatto registrare un consistente segno negativo: 1.207.772 unità, pari ad un -7,4% rispetto allo stesso mese di un anno fa. L'ennesimo calo mensile ha inoltre ridotto ai minimi termini il guadagno sull'anno intero, ora di un misero +1,4%, corrispondente a 13.424.383 autovetture.

 

Vendite auto Europa: diesel distrutto ovunque


Pompa benzina

I dati elaborati da Acea (associazione costruttori europei) si riferiscono alle vendite di auto nuove nell'area UE+EFTA, cioè Unione Europea, Svizzera, Norvegia e Islanda. La situazione è più o meno omogenea fra tutte le principali nazioni. Potete leggere i dati dell'Italia nell'articolo richiamato qui sotto. La Germania, il maggiore mercato europeo, s'identifica una volta di più con l'intera UE, avendo totalizzato lo stesso risultato ad ottobre, -7,4%. Ospitando anche le città più aggressive in fatto di divieti contro il diesel, ben assistite dalla magistratura, il crollo del gasolio resta persistente: -16%, accompagnato da un -19% su tutto l'anno. E, guarda un po' che combinazione, è aumentata la media mensile di emissioni di CO2, +2,6%.

Nel Regno Unito la discesa ad ottobre è stata più contenuta, -2,9%, però il calo sui 10 mesi è molto alto, -7,2%. Anche Fra i britannici il crollo del diesel è ancora più pesante: -21,3% nel mese e -7,5% nell'anno. Le vendite di auto a benzina sono salite del 9,3%; non abbiamo il dato locale della CO2 ma con una quota di mercato del 62,3% di benzina non ci si può sognare emissioni minori. La situazione è analoga in Francia. Qui il calo dell'ultimo mese è "solo" del -1,5%, insieme al -5,7% annuale. Il diesel registra -12,2% sui 10 mesi 2018. In Spagna il mercato è calato a -6,6% ad ottobre, mentre si mantiene su un'ampia crescita a livello annuale, +10%.

 

Vendite auto Europa per marche: Mini la migliore ad ottobre


Passando alle performance di ottobre 2018, relativamente ai brand a maggiore diffusione (sopra 10mila unità mensili) il Gruppo BMW si è mostrato il migliore. Infatti le vendite del marchio Mini hanno totalizzato nello scorso mese una crescita del 17,9%, seguite a ruota dalla stessa BMW a +12,4%. Sempre ai vertici Jeep con un +12,2%, poi Volvo a +10,3%. Guardando invece chi scende, ottobre è stato un mese terribile per Audi che ha chiuso con -53,0%. Troviamo poi Nissan a -26,2%, Renault a -23,4%, Fiat a -15,2%, Volkswagen a -15,2% e Seat a -14,5%.

Per quanto riguarda i marchi dai volumi inferiori alle 10mila unità mensili, la Jaguar ha dominato il mese con un impressionante +64,6%, ad anni luce di distanza dalla seconda, cioè smart con +5,1%. Tutte le altre marche hanno registrato un calo: il più pesante è quello della Porsche, -62,0% che chiude un mese molto difficile per il Gruppo Volkswagen. Ma FCA non sta meglio, perché Alfa Romeo ha segnato un brutto -40,8%.

La classifica sui 10 mesi del 2018 vende invece sempre la Jeep padrona delle performance fra le marche a maggiore diffusione, grazie ad un inarrivabile +60,8% rispetto al periodo gennaio-ottobre 2017. La Seat si conferma come il secondo marchio più brillante di quest'anno in virtù del +16,5%, seguida da vicino dalla Dacia con +13,2%.

La peggiore differenza tra quest'anno e il precedente è invece della Land Rover, attestata a -15,0%. Segue la Nissan a -10,5%, Audi a -9,1% e Fiat a -8,5%. Passiamo ai marchi il cui volume è inferiore alle 10mila unità mensili. La migliore è sempre la Jaguar con +16,7%. Troviamo quindi Lexus a +4,3% e Alfa Romeo a +3,2%. L'unica marca in calo è la Lancia con un pesante -25,7%.

Chiudiamo con le quote di mercato, riferite al periodo gennaio-ottobre. Nessuna variazione fra le prime tre marche; Volkswagen è sempre prima con distacco in Europa con l'11,2% delle vendite. E' seguita da Renault e Ford; invece Peugeot ha scavalcato Opel al quarto posto. Nel resto della top ten, BMW ha superato Audi al settimo posto. Qui sotto potete leggere la classifica completa per marche, sempre riferita ai mercati UE+EFTA, ordinata secondo la quota di mercato annuale.

 

Classifica vendite auto Europa ottobre 2018


Vendite Auto Europa Ottobre... by on Scribd


  • shares
  • Mail