Ferrari: 1,5 milioni di dollari per le aree colpite da Sandy

ferrari beneficenza sandy

Quando si parla di beneficenza non esistono confini. Lo ha dimostrato una volta di più la Ferrari che, grazie alle iniziative intraprese in seguito al passaggio dell’uragano Sandy, ha raccolto ben 1,5 milioni di dollari da destinare agli aiuti per le aree colpite dal disastro. Dopo i terremoti in Giappone ed in Italia un’altra prova dell’impegno del Cavallino Rampante nei confronti delle popolazioni colpite da disastri naturali.

Per raggiungere questa cifra è stata venduta la prima Ferrari F12 Berlinetta destinata agli Stati Uniti al prezzo di 1,125 milioni di dollari. La cifra è stata raggiunta nel corso di un’asta di beneficenza in cui era partita da 315.888 dollari. In precedenza erano già arrivate donazioni per il valore di 345 mila dollari grazie a concessionarie e clienti. Una raccolta online contemporanea all’asta ha portato ulteriori 50.000 dollari.

La raccolta fondi è ancora possibile attraverso uno speciale sito realizzato in collaborazione con la Croce Rossa americana. La facilità con cui un’azienda privata come Ferrari ha raccolto 1,5 milioni di dollari in aiuti per un’area devastata fa pensare con rammarico alle difficoltà che si stanno avendo in questi giorni per sbloccare i fondi necessari a sostenere le zone terremotate dell’Emilia da parte dell’Unione Europea.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: