Alleanza Volkswagen-Ford: possibile allargamento alle auto

Dopo la diffusione degli ultimi risultati trimestrali, i vertici della casa americana accennano a colloqui con il gruppo tedesco per estendere l'attuale collaborazione in corso sui veicoli commerciali

Alleanza Volkswagen-Ford

Alleanza Volkswagen-Ford anche oltre i veicoli commerciali? Non si esclude. Anzi, si potrebbe arrivare presto ad un'intesa concreta. La fonte non è certo secondaria: il direttore finanziario della Ford (CFO, come va di moda dire oggi), Bob Shanks. L'obiettivo è sempre lo stesso, ridurre i costi di sviluppo e produzione.

 

I risultati trimestrali della Ford


Il 24 ottobre Jim Hackett ha tenuto una "conference call" sui risultati trimestrali. In altre parole, l'amministratore delegato (CEO, se si vuole apparire "in", quindi senza usare la nostra lingua) della Ford Motor Company ha illustrato i bilanci agli investitori, preoccupati per i conti e le prospettive di breve e medio periodo.

La Ford è nel pieno di un profondo piano di ristrutturazione del valore di 11 miliardi di dollari. Rientra in questa operazione anche la recente decisione di abbandonare il settore delle berline sul mercato nordamericano, essenzialmente gli Stati Uniti. Nel terzo trimestre 2018 l'utile netto dell'azienda è calato del 37%, ammonta a 991 milioni di dollari (al cambio attuale un dollaro vale 0,88 euro). Il fatturato globale è salito del 3%, pari a 37,6 miliardi; invece il risultato operativo, quello prima di calcolare interessi e tasse, è diminuito del 27%, 1,7 miliardi.

In Nordamerica i profitti sono saliti del 7,5%, pari ad 1,96 miliardi, performance guidata da pick-up e SUV; questo dato ha sorpreso gli analisti, i quali invece si aspettavano qualcosa di peggio. Hanno mostrato apprezzamento, perché il titolo azionario è salito subito del 10%, raggiungendo la massima quotazione degli ultimi nove anni.

Invece le aree che più preoccupano la casa dell'ovale blu sono la Cina, dove si è registrata una perdita di 208 milioni, e l'Europa, perdita di 245 milioni; per Europa qui s'intende il continente esteso, non solo l'UE, quindi Russia compresa. Allargato anche alla Turchia, perché negli USA da sempre si crede che questa nazione sia in Europa. Nemmeno in Sudamerica la situazione è lusinghiera, data la perdita di 152 milioni. Tutti questi numeri hanno come conseguenza il definitivo abbandono del precedente obiettivo di raggiungere un margine di profitto globale dell'8% entro il 2020. Questo è il dato che più interessa agli azionisti.

 

Alleanza Volkswagen-Ford: se ne sta parlando


In questo quadro difficile s'inserisce la strategia di una possibile estensione dell'alleanza tra Volkswagen e Ford. Ricordiamo che lo scorso giugno le due aziende hanno firmato un memorandum d'intesa per avviare una collaborazione nel settore dei veicoli commerciali. Lo stesso Hackett, durante la conference call del 24 ottobre, ha accennato genericamente all'eventualità, parlando di partnership strategiche in un futuro vicino.

Bob Shanks è stato più specifico, parlando in questi giorni con i giornalisti, come riporta l'agenzia americana Bloomberg. Ha detto chiaramente che ci sono colloqui in corso per andare oltre (appunto, "Go Further"; non è solo uno slogan): "Stiamo discutendo ad ampio raggio su come possiamo aiutarci reciprocamente nel mondo. La collaborazione non è in alcun modo limitata, sia essa legata a tecnologie, segmenti di prodotto o aree geografiche".

La stessa eventualità, un allargamento dell'alleanza, si sta prospettando anche in India nella partnership con la Mahindra. "Sia nei colloqui con Volkswagen che in quelli con Mahindra non abbiamo posto alcun limite ai termini in cui possiamo collaborare. Stiamo analizzando forze e debolezze di ciascuno", ha concluso Shanks.

  • shares
  • Mail