Auto elettriche: Mitsubishi produce la Eupheme EV in Cina

Anche il produttore giapponese si lancia nel mercato delle auto elettriche cinesi con un veicolo elettrico all'europea: stile SUV e grande autonomia.


auto elettriche mitsubishi gac Eupheme EV


La Joint Venture GAC Mitsubishi Motors (GMMC), fondata nel 2012 dai cinesi di GAC Group e dai giapponesi di Mitsubishi Motors, si appresta ad entrare nel fiorente mercato delle auto elettriche in Cina con un nuovo modello: la Eupheme EV.

Nonostante sia prodotta in Cina, questa macchina elettrica avrà molte caratteristiche "all'occidentale": stile da SUV medio, innanzitutto, e poi una grande autonomia di oltre 400 chilometri. L'autonomia tipica di un'auto elettrica cinese è molto più bassa: intorno ai 250 chilometri.

La Eupheme EV è stata progettata da GAC ed è prodotta da GMMC a Changsha, nella provincia cinese di Hunan. Inizialmente sarà venduta in 12 grandi città cinesi tra le quali Pechino, Changsha, Guangzhou, Shenzhen, Hangzhou and Tianjin.

Si tratta della versione elettrica della normale Eupheme di GMMC, una sorta di versione low cost della Mitsubishi Outlander venduta in Cina, lunga 4,51 metri, larga 1,85 metri e alta 1,7 metri con un passo di 2,65 metri.

Sul mercato cinese la Eupheme EV costerà circa 20 mila dollari e sarà un ottimo prezzo per un autoveicolo elettrico, considerato anche il fatto che la già esistente Eupheme Plug in Hybrid EV (PHEV) lanciata nel febbraio scorso costa circa 33 mila dollari in Cina.

Con quel prezzo, possibile solo grazie agli incentivi statali cinesi per le automobili elettriche, la Eupheme EV sarà dotata di una batteria in grado di far percorrere a questo SUV elettrico cinese 410 chilometri. Molto più di gran parte delle concorrenti in quella fascia di prezzo.

"Il lancio di Eupheme EV segue quello del SUV Eupheme ibrido plug-in ibrido (PHEV) sul mercato ed è un'importante pietra miliare per GMMC. Dimostra il ruolo fondamentale che la tecnologia EV giocherà nel soddisfare le esigenze dei consumatori cinesi e contribuisce all'industria automobilistica in Cina. La Cina è uno dei nostri mercati più importanti e non vediamo l'ora di ampliare notevolmente la nostra posizione nel paese con il nostro piano DRIVE FOR GROWTH", commenta il presidente e CEO di Mitsubishi Motors Osamu Masuko.

Entro il 2019, Mitsubishi Motors punta a rafforzare ulteriormente le sue attività in tutta la Cina più che raddoppiando i veicoli venduti e la rete di concessionari, rispetto ai livelli del 2016. La società si concentrerà anche sull'espansione della sua gamma di veicoli a quattro ruote motrici e sui SUV ibridi PHEV.

  • shares
  • Mail