Noleggio a Lungo Termine sempre in tiro, è testa a testa tra ALD e Leasys

In un mercato auto in generale stagnazione tra settembre ed agosto (-0,06%), il Noleggio a Lungo Termine continua a crescere: +12,3%.

Il Noleggio a Lungo Termine continua la sua corsa anche ad agosto, anche se con numeri più contenuti rispetto agli altri mesi per effetto delle ferie estive. Tra vetture e veicoli commerciali ha immatricolato 16.233 mezzi, il 33% in più rispetto allo stesso mese del 2017. Nei primi otto mesi di quest'anno sono 222.833 le immatricolazioni, con una crescita del 12,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Dunque non si ferma la corsa del Noleggio a Lungo Termine, ed è una buona notizia  in un mercato automobilistico come quello italiano, che in questo 2018 si trova in una fase di stagnazione dopo anni di segno positivo. E in effetti, con le vendite ai privati che arretrano (-3,36%) e le Case automobilistiche che riducono le autoimmatricolazioni (-25,65% anche se crescono del 15% quelle dei Concessionari), tra gennaio e agosto del 2018 a crescere è stato principalmente il settore del noleggio. Alla buona performance del Lungo Termine, si affianca infatti la crescita del Noleggio a Breve Termine, anche se con un più contenuto 3%.

ALD in vetta, seguono Leasys e Arval


Secondo le rilevazioni di Dataforce Italia, nella classifica dei players del Noleggio a Lungo Termine spicca ALD, che in questi primi otto mesi ha immatricolato 49.603 autoveicoli crescendo del 17,5% rispetto al 2017 e accaparrandosi il 22,3% del mercato NLT. Sul secondo gradino del podio c'è Leasys con 47.671 immatricolazioni (+ 10,8%) e una fetta del 21,4% del mercato. Segue Arval con 39.314 targhe (+17,7%) e il 17,6% di market share.

Leaseplan sembra un po' in affanno rispetto agli altri "Top Player": cresce più lentamente (9,2%) con 30.602 immatricolazioni e perde qualche decimo di punto percentuale in termini di quota di mercato (13,7%). In posizione più arretrata, ma in fortissima crescita, c'è la divisione rent di Volkswagen, che ha immatricolato 16.617 autoveicoli con un balzo in avanti del 49,9%.

Tutti bene quindi? No, qualcuno in affanno c'è. Tra tanti dati positivi spicca il segno "meno" vicino ai dati di immatricolato di alcuni player. A parte GFC, la flessione più pesante è quella della divisione NLT di Mercedes-Benz: -34,6%. Seguono Sifa (-26,6%) e la divisione rent di Renault-Nissan (-10,6%).

  • shares
  • Mail