Viabilità a Genova: le indicazioni della polizia stradale per entrare e uscire dalla città

Il ponte Morandi era fondamentale per la gestione del traffico verso il porto di Genova, aumentato del 15% nell'ultimo anno.

La polizia stradale ha diffuso nuove e più dettagliate indicazioni per entrare e uscire da Genova cercando di tenere il traffico di scorrimento quanto più lontano possibile dal nodo di Genova, dove si avvertono pesantemente le conseguenze del crollo del ponte Morandi.

Viabilità dalla Francia verso Sud

Ingresso dal confine di Stato di Ventimiglia - A10 fino interconnessione con A26 e, successivamente, A26 - D26 Predosa-Bettole - A7 – interconnessione con A12 (in alternativa, per le lunghe percorrenze, proseguire in A21 – A1 – A15 – interconnessione con A12).

Dal confine di Stato del Frejus - A32 – A21 - A7 e infine interconnessione con A12 (per le lunghe percorrenze, proseguire in A21 – A1 – A15 – interconnessione con A12).

Dal confine di Stato del Monte Bianco - A5 – A26 - A21 - A7 e poi interconnessione con A12 (o, in alternativa per le lunghe percorrenze, proseguire in A21 – A1 – A15 – interconnessione con A12), o in alternativa A5 – A55 – A21 - A7 e, successivamente, interconnessione con A12 (o, in alternativa, per le lunghe percorrenze, proseguire in A21 – A1 – A15 – interconnessione con A12).

Viabilità dalla Francia verso l'Adriatico

Ingresso dal confine di Stato di Ventimiglia - A10 fino interconnessione con A6 e, successivamente, A6 - A21 – A1 - A14.

Viabilità da Ventimiglia per Milano, Torino e Piacenza

Autostrada A10 fino interconnessione con A6 Torino-Savona e poi seguire le indicazioni per la A4 o A21. Chi è diretto a Milano può proseguire fino a Genova Voltri e imboccare la A26 quindi lo svincolo di Tortona.

Viabilità da e verso il porto e l'aeroporto di Genova

- Chi proviene da Ventimiglia deve percorrere la A10 e uscire allo svincolo di Genova Aeroporto.

- Chi è viene da Milano o da Livorno deve procedere lungo a A7 Milano–Genova e uscire a Genova Ovest.

- Chi è diretto a Milano o a Livorno può prendere la A7 in direzione Nord.

- Chi viene dal porto o dall'aeroporto di Genova e deve raggiungere Savona o Ventimiglia deve obbligatoriamente prendere la A7 al casello di Genova Ovest, poi la diramazione D26 Predosa – Bettole e infine la A26 direzione Sud fino alla interconnessione con la A10.

Genova: la gestione della viabilità dopo il crollo del ponte Morandi


La tragedia di Genova è ancora in divenire. I soccorsi sono in azione ormai da questa mattina e il bilancio è da considerarsi ancora provvisorio. Le conseguenze di questo disastro che per molti era già nell'aria da tempo rischiano di farsi sentire per molti mesi a venire, forse anche per anni.

Il viadotto Polcevera, o ponte Morandi che dir si voglia, era uno dei principali ponti dell'intera Italia, fondamentale nel servire il porto di Genova, principale scalo italiano. La rete ferroviaria italiana, infatti, non è più in grado ormai da tempo di soddisfare la richiesta di trasporto merci e il trasporto su strada è aumentato sensibilmente nel corso di questi ultimi anni.

Il porto di Genova ha avuto in questo 2018 un incremento del traffico del 15% e questo ha avuto come conseguenza un importante aumento del trasporto pesante su strada, quasi esclusivamente a carico di quel ponte Morandi che faceva parte dell'autostrada A10, quella che collega Genova a Ventimiglia, e quindi l'Italia con la Francia, ma anche Genova col resto dell'Italia.

Il ponte divideva di fatto in due parti non soltanto la città di Genova, che ora si trova senza un collegamento diretto e scorrimento veloce, ma anche l'intera Liguria e il resto dell'Italia. Al momento Autostrade per l'Italia precisa:

Chi da Savona è diretto a Genova può utilizzare la A26 Genova-Gravellona Toce, successivamente la D26 Diramazione Predosa Bettole e la A7 Milano-Genova in direzione Genova.
Chi da Livorno e Genova è diretto a Savona, può percorrere la A7 Milano-Genova, seguire le indicazioni per la D26 Diramazione Predosa-Bettole per poi immettersi sulla A26 Genova-Gravellona Toce in direzione Genova e proseguire per Savona.
Coloro che sono diretti al porto di Genova e provengono da Milano o da Torino, possono percorrere la A7 Milano-Genova ed uscire a Genova ovest.

Questo è solo un assaggio di come il traffico verrà reindirizzato nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. L'enorme mole di traffico che veniva gestito da quel tratto della A10 dovrà essere spartita tra le altre strade, in molti casi allungando il percorso di qualche chilometro, se non di più. Anche gli stessi cittadini genovesi che fino a ieri in pochi istanti potevano spostarsi da una parte all'altra della città di Genova, ora dovranno ricorrere a strade secondarie tutt'altro che pronte ad accogliere quella mole di auto e di mezzi pesanti.

È impossibile al momento prevedere quanto dureranno questi enormi disagi per l'intero Paese - con un conseguente danno anche per l'economia - e per la città di Genova. Visti anche gli enormi costi di manutenzione dell'intero viadotto è necessario fare delle valutazioni approfondite e capire se sia più conveniente ricostruire la porzione di ponte crollato - ma si dovrà comunque abbattere la parte rimasta per ora in sospeso - o se concentrarsi su quella gronda autostradale di cui si parla ormai da 20 anni, la cosiddetta circonvallazione a mare, che avrebbe dovuto fungere collegamento tra l'uscita autostradale Genova Ovest e l'uscita Genova Aeroporto, permettendo così di bypassare il ponte Morandi.

Molto deve essere ancora deciso. Nelle prossime ore sono in programma diversi vertici a Genova che serviranno a determinare come e dove indirizzare non soltanto i cittadini genovesi e chi deve raggiungere l'aeroporto cittadino, ma anche i mezzi pesanti che quotidianamente devono raggiungere il porto di Genova. Maggiori dettagli saranno resi noti nelle prossime ore.

ponte-crollato-genova-10.jpg

Foto | Vigili del Fuoco

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail