Buche stradali: come richiedere il risarcimento

Buche sul manto stradale: ecco come fare per chiedere il risarcimento dei danni subiti dalla nostra auto.

buche stradali

Sembrerà banale dirlo, ma è chiaro: “non esistono più le mezze stagioni” e le buche presenti sul manto stradale non sembrano esimersi da questo detto. Veri e propri nubifragi si abbattono sempre più spesso sulle nostre città, estate compresa. Con essi non è quindi difficile, anzi: in alcune città purtroppo “è la norma” - che si formino più o meno grandi voragini stradali sul manto stradale. Dissesti sulla carreggiata che nella migliore delle ipotesi si limitano a danneggiare gomme, cerchi e sospensioni, ma che in altri casi si trasformano in vere e proprie minacce all’incolumità delle persone, motociclisti in primis. Un’anomalia tutta italiana in cui le cronache recenti mettono sempre al primo posto la Capitale, sia istituzionale che per le buche stradali, ma che non risparmiano nemmeno le grandi realtà urbane del Nord, Milano compresa. 

Prima di comprendere le azioni che possiamo mettere in campo per tutelarci nel caso di un danno subìto da una buca sulla strada, è lecito chiedersi il perché di un problema tanto grave e al contempo pericoloso. Sono principalmente due i fattori che rendono la situazione delle strade così disastrata: la scarsa qualità dell’asfalto utilizzato e la manutenzione, di fatto dimenticata nella maggior parte dei Comuni italiani. I “rattoppi” effettuati, quelli che proprio a Roma sono meglio noti come “pezze” - sono spesso un mero tentativo di arginare provvisoriamente un problema che dovrebbe essere affrontato con modalità del tutto differenti e concrete. A monte sembra quindi esserci un problema di fondi, almeno stando a quanto affermato direttamente dai Comuni che, di contro, sempre più spesso si rilevano “sordi” all’obbligatorietà di trattenere il 50% degli incassi arrivati dalle multe elevate per infrazioni al “Codice della Strada” - destinandoli proprio alla manutenzione delle strade. I soldi servono è chiaro, ed evidentemente molti Sindaci preferiscono riversarli su altre iniziative. 

Fatta questa dovuta, quanto triste premessa, andiamo a capire quali azioni mettere in pratica in caso di conseguenze causate dal malaugurato “incontro” con una buca in strada. In presenza di danni al veicolo (o motoveicolo) o di vero e proprio infortunio per colpa di una buca, occorre immediatamente avvertire le Forze dell’Ordine. Queste, stenderanno quindi un verbale relativo al proprio intervento. In presenza di feriti, se si è a caccia di un risarcimento, è invece fondamentale dichiarare, appena giunti al pronto soccorso, che ad aver causato l’incidente sia stata proprio una buca.   

In ogni caso è decisamente consigliabile verificare sul posto la presenza di eventuali testimoni, ai quali chiedere contatti e recapiti, per essere successivamente richiamati in causa. Di pari passo è cosa buona anche documentare il più possibile “la scena” del sinistro, fotografando non solo la buca, ma anche il flusso di traffico e “il contesto”. Con questi elementi avete grossomodo tutte le carte in regola per iniziare una difficile lotta che vi opporrà alla burocrazia, con il mero tentativo di veder riconosciuto un danno causato dall’imperizia non nostra, ma addirittura dello Stato. Una lunga battaglia per la quale è peraltro consigliabile coinvolgere un avvocato, meglio se esperto in questo tipo giurisprudenza. 

Molti Comuni italiani, con “coda di paglia annessa”, mettono addirittura a disposizione un vero e proprio modulo per far la richiesta di rimborso per questo tipo di danni. Questo va inviato tramite raccomandata con avviso di ricevuta di ritorno - insieme all’entità dei danni lamentati ed eventuali riferimenti a persone ferite. Insieme al modulo va poi allegato il verbale redatto dalle Forze dell’Ordine e le foto scattate alla buca in questione e al danno. La richiesta di risarcimento dovrà infine essere inviata anche alla Compagnia assicuratrice del Comune in questione, la quale avrà la facoltà di nominare un perito per gestire la questione. 

  • shares
  • Mail